Perché sui social si sta parlando (molto) di Giovanna Botteri

Adjust Comment Print

"Mi piacerebbe che l'intera vicenda, prescindendo completamente da me, potesse essere un momento di discussione vera, permettimi, anche aggressiva, sul rapporto con l'immagine che le giornaliste, quelle televisive soprattutto, hanno". Bisognerebbe ringraziarla per raccontarci ciò che avviene nel mondo, rischiando ogni giorno nonostante la situazione unitaria che si complica sempre di più. "Perché noi con 'Striscia' abbiamo mandato in onda un servizio a favore di questa giornalista, dicendo che tanti media e molti social l'hanno presa in giro per il suo look e invece noi prendiamo atto del fatto che si è fatta un'ottima e una bellissima messa in piega".

La sostanziale differenza tra gli altri e l'Italia: "Qui a Pechino sono sintonizzata sulla Bbc, considerata una delle migliori e più affidabili televisioni del mondo".

Polemica su uno degli ultimi servizi andati in onda a Striscia la Notizia sulla giornalista Giovanna Botteri, che negli ultimi tempi è stata vittima di body shaming, criticata per il suo aspetto fisico e il suo modo di vestire. La Botteri è stata presa di mira da un servizio di Striscia la Notizia: il programma satirico ha criticato la professionista a causa dell'aspetto e dei capelli poco curati. Per scardinare modelli stupidi, anacronistici, che non hanno piu' ragione di esistere. Non vorrei che un intervento sulla mia vicenda finisse per dare credibilità e serietà ad attacchi stupidi e inconsistenti - aggiunge la giornalista - che non la meritano. Colpite sono soprattutto le donne, che sono il gruppo sociale più odiato in rete. Una forma di attacco subdolo perché attraverso la risata che vorrebbe suscitare, ridicolizza, ferisce. E continua: "Le sue giornaliste sono giovani e vecchie, bianche, marroni, gialle e nere". E il servizio di Striscia, partiva proprio da questo per mostrare come Giovanna nell'ultimo collegamento da Pechino avesse sfoggiato una nuova pettinatura, quasi a smentire le critiche malevole piovutele addosso.

Alcuni dei gruppi Facebook sulla giornalista
Alcuni dei gruppi Facebook sulla giornalista

Poche righe, piene di intelligenza e dignità, pubblicate da Giovanna Botteri sul sito del sindacato dei giornalisti della Rai per rispondere alla tempesta di tweet di cui suo malgrado è stata protagonista. La Hunziker ha deciso che il biondo sarebbe stato il suo colore quando da adolescente, con i capelli scuri, una persona per strada le aveva suggerito di provare a modificare il colore dei capelli. "Invece sarei felice se fosse una scusa per discutere e far discutere su cose importanti per noi, e soprattutto per le generazioni future di donne", ha concluso Botteri che ha avuto la solidarietà delle Commissioni Pari Opportunità di Fnsi, Usigrai e Odg nazionale oltre che di 'Giulia Giornaliste'. Con le rughe, culi, nasi orecchie grossi.

"Striscia la notizia" finisce di nuovo sotto accusa, e c'è da credere che Antonio Ricci non sia affatto sorpreso. E nessuno fiata, nessuno dice niente, a casa ascoltano semplicemente quello che dicono. Ma non è colpa degli uomini, ci sono ragazze che attratte dal sogno di emulare la carriera di Diletta Leotta o magari sposare un calciatore, sono disposte a tutto.

26 anni fa moriva Ayrton Senna
Secondo le regole il weekend di gare si sarebbe dovuto chiudere proprio in quel momento, a causa dell'incidente mortale. La tragica svolta per il pilota brasiliano avvenne nel 1994, con il passaggio dalla McLaren alla Williams .

Comments