COVID-19, il virus si sta attenuando: le parole dell'esperto

Adjust Comment Print

I tamponi totali effettuati sono, nel complesso, 2.310.929 su 1.549.892 persone. "In generale sono in forte calo i pazienti che hanno bisogno di ospedalizzazione, l'epidemia c'è ancora ma dal punto di vista clinico si sta svuotando".

Uno studio importante per capire come il coronavirus che ha scatenato la pandemia di COVID-19 in tutto il mondo potrebbe evolversi e cambiare è stato effettuato da un team di ricercatori dell'University College di Londra (UCL).

In che senso? Che il Covid-19 si evolve ma perde "contagiosità e, probabilmente, letalità". "Ma si tratta di mutazioni su cui l'evoluzione può agire, rendendo il virus meno contagioso". A fare quella che ci tiene a definire per ora solo "un'ipotesi da dimostrare" è Massimo Ciccozzi, epidemiologo dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, che ne ha parlato in un'audizione alla Commissione Sanità del Senato. La perdita di potenza del virus "la vediamo dal minor numero di decessi (dovuti alle infezioni pregresse) e dal minor numero di persone in terapia intensiva".

Il nuovo ceppo - secondo quanto riportano gli scienziati - ha iniziato a diffondersi in Europa all'inizio di febbraio prima di migrare in altre parti del mondo, compresi gli Stati Uniti e il Canada, diventando la forma dominante del virus entro la fine di marzo. Il risultato, che registra le mutazioni che normalmente avvengono in un virus come il Sars-CoV-2, è utile per progettare farmaci e vaccini. Inoltre, nel caso del nuovo coronavirus, sappiamo che potrebbe non esserci una correlazione esatta tra titoli anticorpali rilevati con gli attuali test e quantità di anticorpi neutralizzanti, quindi non sappiamo quanto le difese a nostra disposizione siano efficaci.

Twilight, esce il nuovo libro della saga: ad agosto arriva Midnight Sun
Incontrare Bella è l'esperienza più intrigante e inquietante nella sua lunga vita da vampiro. Non ci resta che una domanda: Robert Pattinson e Kristen Stewart ci saranno? .

Il network tra i laboratori di virologia di molti ospedali d'Italia è al lavoro per monitorare le sequenze del virus: "Lo studio finale ci dirà come Sars-CoV-2 si è mosso da una zona all'altra, selezionando una variante piuttosto che un altra. Le cose sono nettamente cambiate da circa due settimane e, come vediamo, le terapie intensive si stanno man mano liberando". "Il Nord ha avuto uno tsunami assurdo, imprevisto e imprevedibile", ha aggiunto.

"Abbiamo visto due eventi epidemici differenti: uno, con ceppi virali che dalla Cina, attraverso l'Europa, è andato al centro Italia". Successivamente un ceppo tedesco è andato a infettare la Lombardia e il Nord del Paese.

Perché? Sicuramente per il lockdown degli ultimi due mesi, ma potrebbe non essere l'unico motivo.

David Montefiori, uno scienziato della Duke University che ha lavorato al rapporto, ha affermato che è il primo a documentare una mutazione nel coronavirus che sembra renderlo più contagioso. Ciccozzi ha poi ipotizzato che il centro-sud Italia si sia salvato da un'epidemia più intensa anche per il caso della coppia cinese ricoverata allo Spallanzani, primo impatto del nostro Paese con la malattia, che ha indotto a comportamenti di autotutela.

Comments