Incentivi da 500 euro per bici, monopattini e sharing

Adjust Comment Print

Sembra sempre più valida l'ipotesi del progetto della Ministra dei trasporti e delle infrastrutture, Paola de Micheli, riguardante il bonus bicicletta, vale a dire l'incentivo per la mobilità alternativa, con lo scopo di evitare il congestionamento dei centri urbani in vista della ripartenza durante la Fase 2. Il primo cittadino ha spiegato che il bonus arriverà fino a 500 euro per una bicicletta elettrica, ma gli incentivi "copriranno anche le bici normali". E' stato fin da subito chiarito che il bonus bicicletta non prevederà parametri di reddito da rispettare. Secondo la misura, le famiglie numerose con reddito Isee fino a 35 mila euro potrebbero contare su un bonus fino a 500 euro. Il governo potrebbe, avendone la disponibilità, incrementare la disponibilità successivamente. Il bonus sarà rivolto a tutti quelli che ne faranno domanda, senza esclusioni di particolari categorie.

Nella bozza del decreto si legge che i cittadini maggiorenni residenti nelle città metropolitane e nei comuni con almeno 50.000 abitanti potranno usufruire di un buono mobilità per acquistare biciclette (anche a pedalata assistita) o anche veicoli per la mobilità personale a propulsione prevalentemente elettrica come, ad esempio, monopattini, segway, hoverboard e monowheel.

Il Coronavirus cambia il calcio: UFFICIALE la modifica al regolamento
Per evitare troppi spezzettamenti ogni squadra avrà tre opportunità di effettuarle. L'emendamento entra in vigore con effetto immediato.

Il mercato è stato aperto e, a pochi giorni dalla pubblicazione del bando, sono pervenute le prime manifestazioni d'interesse per l'avvio del servizio di sharing a flusso libero.

La proposta è attualmente al vaglio del Mit e del Ministero dell'Ambiente, in attesa che vengano definiti tutti i dettagli. La cifra complessiva messa a disposizione dal Governo dovrebbe essere di circa 125 milioni di euro, ma requisito essenziale per accedere al bonus dovrà essere, oltre alla maggiore età, la residenza in una città che vanta oltre 50mila abitanti. Oppure, lasciare ai commercianti l'onere della pratica: la bicicletta verrebbe così acquistata già scontata dai consumatori, mentre gli esercenti dovrebbero inserire i documenti di vendita sulla piattaforma per avere il rimborso diretto della somma a carico dello Stato. Inoltre dovrebbe essere consentito l'utilizzo retroattivo per le spese sostenute dal 4 maggio in avanti. Lo stanziamento sale però da 70 milioni di euro a 120 milioni.

Comments