Toktas uccide suo figlio di 5 anni: "Non l’ho mai amato"

Adjust Comment Print

Cevher Toktas, calciatore del Bursa Yildirim Spor, ha confessato di aver ucciso il figlio di cinque anni mentre era ricoverato in ospedale per Coronavirus. Quindi ha aggiunto: "Non ho mai amato mio figlio più piccolo dopo la sua nascita".

Un racconto shock, una vera e propria tragedia. Queste le parole del giocatore alla polizia locale che lo ha arrestato: "Ho messo un cuscino sulla faccia di mio figlio".

Legnano, Rinaldi colpito da aneurisma cerebrale
Mai una parola e un tono fuori posto, mai una protesta e una polemica, sempre e solo correttezza, impegno, educazione e rispetto. Cresciuto nelle giovanili dell'Atalanta , Rinaldi ha giocato nel Mezzolara in D e nell'Imolese in C.

I medici, notando i problemi respiratori, lo hanno immediatamente intubato nel reparto di terapia intensiva dove il piccolo è deceduto dopo due ore. "A quel punto, l'ho tolto e ho chiamato i dottori, in modo che loro non sospettassero nulla", ha spiegato. Le ragioni del gesto sono dettate da un sentimento di anaffettività che ha sempre nutrito nei suoi confronti. So solo che semplicemente, non lo volevo. Dopo queste dichiarazioni, Toktas rischia adesso l'ergastolo, visto che, quasi certamente, verrà accusato di omicidio colposo.

Una tragica notizia giunge dalla Turchia.

Comments