Coronavirus: Emilia Romagna, 53 nuovi casi e 18 morti

Adjust Comment Print

Dall'inizio dell'epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 27.267 casi di positività, 35 in più rispetto a ieri: incremento davvero fra i più bassi mai registrati. Le nuove guarigioni oggi sono 231 (17.987 in totale), mentre continuano a calare i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi che a oggi sono scesi a 5.330 (-195). I casi lievi in isolamento a domicilio sono 4.824 (-176), in diminuzione i ricoverati nei reparti Covid (-19) e nelle terapie intensive (-1).

Le persone complessivamente guarite salgono quindi a 17.756 (+153): 1.732 "clinicamente guarite", divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione, e 16.024 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Nell'ultimo giorno si sono registrati 25 nuovi decessi: 10 uomini e 15 donne.

Sono alcune delle soluzioni innovative studiate da aziende e da laboratori di ricerca dell'Emilia-Romagna in risposta al bando della Regione Emilia-Romagna, che ha promosso progetti di ricerca e sviluppo sperimentale per la messa a punto di prodotti, servizi, soluzioni tecnologiche per contrastare l'epidemia da Covid-19. Nessun decesso tra i residenti nelle province di Piacenza, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini. Nessun decesso di residenti a Piacenza, Parma, Rimini, né di pazienti da fuori regione. È quanto emerge dai dati della Regione secondo cui sono 2.832 i tamponi effettuati, arrivati a quota 261.106. Sono invece 11 i nuovi contagi.

Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Modena aut. Dall'inizio dell'emergenza, si sono accumulate 47.882 giornate complessive (senza considerare le attivazioni dirette del Dipartimento nazionale). Uno di essi è ricoverato non in terapia intensiva, gli altri sono in isolamento domiciliare. Si tratta di una paziente di sesso femminile e di 4 pazienti di sesso maschile.

Cinema e teatri: cosa cambia con la riapertura
Dal 15 giugno , si legge nel nuovo DPCM , il settore potrà ripartire, ma con regole ferree. I locali per il divertimento, le sale da ballo e le discoteche dovranno rimanere chiuse.

Ieri è stata allestita dai volontari del Coordinamento provinciale di Rimini, in collaborazione con i tecnici del Servizio Area Romagna dell'Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile, una tenda pre-triage davanti alla Casa di cura "Villa Salus" a Viserbella, nel comune di Rimini.

Tali strutture si aggiungono a tutte le altrepresenti sul territorio regionale allestite dalle Aziende sanitarie.

1 nella Repubblica di San Marino (Ospedale di Stato: pre-triage e screening sierologici).

Comments