Cassa integrazione, INPS: boom ad aprile

Adjust Comment Print

Il dato emerge dall'Osservatorio dell'Inps pubblicato giovedì e testimonia con quanta durezza la pandemia di nuovo coronavirus si sia abbattuta su un tessuto socioeconomico già debole come quello dell'Umbria. Tra i settori più coinvolti l'industria con 605,2 milioni di ore autorizzate (contro 5,7 milioni di aprile 2019) ma anche l'edilizia (107,8 milioni di ore contro 1,8 milioni di aprile 2019).

Il numero di ore di cassa straordinaria è invece 12,4 milioni, di cui 2,3 per solidarietà, registrando un decremento del 30,3% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente, che ne registrava 17,9 milioni. Numeri capaci di spiegare l'eccezionalità della situazione che stanno vivendo la regione e l'intero paese. Nello stesso periodo, gli interventi in deroga sono stati pari a 46,9 milioni di ore autorizzate: nell'aprile 2019 erano state autorizzate solo 20 mila ore. "L'entità di tale numero - osserva l'Inps a proposito dello scenario nazionale - è così elevata che non risulta comparabile con la misura delle autorizzazioni effettuate nei primi mesi del 2020, ma piuttosto con il totale delle ore annue autorizzate nel periodo di crisi che va dal 2009 al 2014: per tutto il 2009, primo anno della grande crisi economico-finanziaria, furono infatti autorizzate 916,1 milioni di ore". Uno scenario fuori dal comune.

Romina Power, lo strano annucio sui social "Ho incontrato un grande uomo"
L'americana è rimasta bloccata in Italia quando è scoppiata l'emergenza Coronavirus perché impegnata con l'ultima edizione di Amici.

Per quanto riguarda i tempi di erogazione della prestazione di Cassa Integrazione, occorre ricordare che l'INPS può esporre il pagamento delle prime 9 settimane previste dal decreto "Cura Italia" solo dopo aver ricevuto dalle aziende, anche per il tramite degli intermediari, il modulo contenente i dati dei lavoratori, le ore di CIG e le coordinate bancarie (cd. modello SR41). Le ore totali di cassa integrazione in deroga richieste dalle aziende sono 780.336, con un impegno di spesa complessivo stimato pari a 6,3 milioni di euro. Secondo i dati aggiornati all'8 maggio, in Umbria erano state presentate quasi 58 mila domande, la stragrande maggioranza delle quali (44 mila) dagli autonomi.

Comments