Contro la mafia vince l'educazione. L'eredità di Falcone secondo don Naro

Adjust Comment Print

Cittadinanza attiva, responsabilità e impegno civile nel ricordo delle stragi di Capaci e via dAmelio. Lo dice Anthony Barbagallo segretario regionale del Partito Democratico. Una ferita indelebile per il nostro paese. Nella loro mentalità criminale, non avevano previsto che l'insegnamento di Falcone e di Borsellino, il loro esempio, i valori da loro manifestati, sarebbero sopravvissuti, rafforzandosi, oltre la loro morte: "diffondendosi, trasmettendo aspirazione di libertà dal crimine, radicandosi nella coscienza e nell'affetto delle tante persone oneste". La mente e il cuore rivolti al sacrificio delle donne e degli uomini dello Stato che hanno perso la vita per mano mafiosa. "La nebbia in Sicilia, ancora non si è alzata" conclude Vaccarezza. Da allora il 23 maggio è diventata la data simbolo della lotta contro tutte le mafie e a difesa della legalità.

Ci sono due parole significative che conviene sottolineare in questa riflessione che Borsellino faceva ricordando Falcone: bellezza e puzza, benché esse non stiano bene in coppia e costituiscano semmai un improbabile binomio.

Oggi leggiamo impotenti le trascrizioni delle chat tra i magistrati più impegnati nello scontro tra correnti e sembra che l'architrave della nostra democrazia, il principio della separazione tra i poteri dello Stato, sia destinato a sgretolarsi sotto la spinta di una magistratura che vuole impegnarsi sul versante politico senza però appendere la toga al chiodo.

Castellanza, il Comune partecipa al flash mob per ricordare la strage di Capaci
23 maggio 2020. Un lenzuolo bianco per ricordare Falcone e le vittime della mafia

Non ci saranno dunque i tradizionali appuntamenti della "Nave della Legalità" che, ogni anno, porta a Palermo da tutta Italia migliaia di studenti, né il convegno nell'aula bunker dell'Ucciardone e i cortei, ma sarà comunque un 23 maggio fitto di appuntamenti.

Oggi alle 17.58, ora della strage di Capaci, la delegazione di Centro Destra di Amantea composta da Vincenzo Lazzaroli, Fabio Garritano, Pino Veltri e Giuseppe Curcio, si è recata nella piazza Falcone-Borsellino, per osservare un minuto di silenzio e per deporre un fascio di fiori in memoria di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani.

Il Consiglio Federale decide: si fermano i campionati dilettantistici, venerdì i verdetti
Per le seconde classificate è prevista una graduatoria di merito in sede di ripescaggio in caso di vacanze di organico. Nella prossima stagione il campionato di Serie D inizierà domenica 20 settembre.

Comments