Dall’autrice di Harry Potter idee per leggere e giocare durante il lockdown

Adjust Comment Print

Questi sono giorni molto interessanti per tutti i potterhead, curiosi di scoprire le origini di Harry Potter e della saga letteraria scritta da J.K. Rowling. Inoltre, la scrittrice britannica ha promesso di pubblicare gratuitamente una parte del racconto ogni giorno sul sito www.theickabog.com, fino al prossimo 10 luglio e di donare i diritti d'autore alle organizzazioni che in questi ultimi mesi hanno sostenuto le famiglie e i bambini delle fasce più vulnerabili. Dopo aver rivelato i luoghi che hanno ispirato e dato vita al Wizarding World, tramite i suoi social l'autrice ha infatti ora svelato perché Piton si chiama Severus. "Fino a poco tempo fa le uniche persone che avevano ascoltato la storia di Ickabog erano i miei due bambini più piccoli".

"Mentre stavo lavorando per finire il libro, ho iniziato a leggere alla famiglia ogni sera". Scritto per essere letto ad alta voce, The Ickabog è una fiaba, ambientata in una terra immaginaria, ed è una storia completamente indipendente dalle altre opere dell'autrice.

Addio a John Peter Sloan: è morto l’insegnante d’inglese più famoso d’Italia
Famoso per il suo curioso approccio all'insegnamento della lingua inglese , si trasferì in Sicilia nel 2016 dove aprì una scuola. Aveva solo 51 anni . " L'attore , che soffriva di asma fin dalla nascita, ha avuto una grave crisi respiratoria ".

La scrittrice, parlando di "The Ickabog", lo descrive come "una storia sulla verità e l'abuso di potere".

"Per prevenire una domanda ovvia: l'idea mi è venuta ben oltre un decennio fa, quindi non è destinata a essere letta come una risposta a tutto ciò che sta accadendo nel mondo in questo momento", ha spiegato. Rowling ha anche chiesto ai giovani lettori di disegnare le proprie illustrazioni: un vero è proprio concorso, perché le migliori immagini entreranno nella versione cartacea del libro. "Voglio vedere l'immaginazione scatenarsi!", ha scritto. "La creatività, l'inventiva e lo sforzo sono le cose più importanti: non stiamo necessariamente cercando le competenze più tecniche!"

Comments