Coronavirus, Zangrillo: Clinicamente non esiste più. Richeldi (Cts): Virus circola ancora

Adjust Comment Print

"Terrorizzare il Paese è qualcosa di cui qualcuno si deve assumere le responsabilità, perché i nostri pronto soccorso e i nostri reparti di terapia intensiva sono vuoti e perché la Mers e la Sars, le due precedenti epidemie, sono scomparse per sempre e quindi è auspicabile che capiti anche per la terza epidemia da coronavirus" ha concluso Zangrillo.

Parole pesanti che generano ulteriore confusione e la creazione di nuove narrative tossiche partorite dai soliti "esperti dell'Università della Strada" come quelli scesi in Piazza Duomo il 30 maggio a Milano. "Questi sono i fatti concreti, il resto opinioni personali".

"Nel momento in cui ci accingiamo all'apertura dei transiti da Regione a Regione e un ritorno a una vita il più possibile normale occorre al contrario invitare gli italiani alla massima prudenza, a mantenere il distanziamento fisico, ad evitare assembramenti, al lavaggio delle mani frequente, all'uso della mascherina", aggiunge Zampa. Ci siamo dimenticati le bare di Bergamo?

"Se vogliamo dire che è merito del Governo, del lockdown o del Comitato tecnico scientifico diciamolo pure, ma io so quello che vedo, ossia che il Covid da un punto di vista clinico non esiste più, perché il virus per sopravvivere si è adattato all'ospite ed ora esprime una carica virale molto, ma molto meno elevata di due mesi fa" ha dichiarato l'esperto. Continua il calo dei nuovi malati in tutte le Regioni: 355 tamponi positivi, 210 in Lombardia (il 59,1% dei nuovi contagi), mentre in cinque Regioni si tocca quota zero (Umbria, Sardegna, Calabria, Molise e Basilicata), quindici quelle con meno di 10 nuovi positivi. No, per il semplice fatto che ad oggi non ci sono evidenze scientifiche per sostenerlo con certezza.

Quanto al Cts, "una cosa che trovo fastidiosa di questo Paese è che i clinici siano da una parte e gli scienziati dall'altra".

Android 11, Google decide di rinviare la data di presentazione
Sembra quindi che il colosso internazionale sia davvero in ritardo rispetto ai suoi piani. Non è certo un anno fortunato per Google . Ma, credeteci, ci sarà da aspettare.

Abbiamo analizzato 200 nostri pazienti, paragonando il carico virale presente nei campioni prelevati con il tampone. Il numero di portatori è comunque alto, considerando che la maggior parte di essi non viene rilevata e che il virus si mantiene alla stato di portatore per molto tempo. E questo riguarda pazienti di tutte le età, inclusi gli over 65.

Il covid non esiste più. E a dirlo sono vari studi autorevoli. "Non sono assolutamente pentito, sono rinfrancato dalla forza della verità perché quello che ho detto non è che il virus è scomparso, come maliziosamente qualche testata ha messo nei titoli". È questo, secondo Franco Locatelli la vera svolta per l'Italia che manterrà attivi questi posti anche per il futuro, anche per malattie diverse al Covid-19. Il direttore delle Unità di anestesia e rianimazione generale e cardio-toraco-vascolare dell'ospedale San Raffaele di Milano, non si mostra insomma per nulla intimorito dagli attacchi incrociati nei suoi confronti.

Ho detto che se riusciamo ad adottare norme di buon senso, probabilmente, debelleremo definitivamente il Covid-19.

"Il virus si sta comportando bene". Effettivamente ci sono alcuni passaggi delle sue interviste emerse in giornata che aiutano a contestualizzare meglio il tutto e a rendere più chiare dichiarazioni che probabilmente nella giornata di domenica hanno creato malintesi sui social.

Comments