I Comuni del Lago d’Iseo ricordano Christo, l’autore della passerella galleggiante sull’acqua

Adjust Comment Print

Christo ha vissuto a New York per 56 anni.

Christo, conosciuto come l'uomo che sognava l'impossibile, si è spento Domenica. Nel 1958 si era poi spostato a Parigi, dove aveva incontrato Jeanne-Claude Denat de Guillebon, diventata sua moglie ma anche compagna nella creazione di opere d'arte. "Le opere d'arte di Christo e Jeanne-Claude hanno riunito le persone nelle esperienze condivise in tutto il mondo, e il loro lavoro continua a vivere nei nostri cuori e nei nostri ricordi".

Leggenda dell'arte contemporanea, maestro della Land Art, Christo Yavachev è morto oggi, 31 maggio, nella sua casa a Soho, New York, a 84 anni.

Classe 1935, Christo Vladimirov Javacheff è nato in Bulgaria, per poi decidere di lasciare il suo paese natio nel 1957, trasferendosi prima a Praga, poi a Vienna e Ginevra. Nel 1968 Christo e Jeanne-Claude si recarono per la prima volta in Italia, a Spoleto: qui, in occasione del Festival dei Due Mondi impacchettarono il Fortilizio dei Mulini e la fontana di piazza del Mercato, per il progetto Wrapped fountain and wrapped medieval tower.

Giornata Mondiale del Tabacco: come il fumo riduce la fertilità
Le campagne pro-fumo rivolte ai ragazzi nel mirino della Giornata mondiale senza tabacco 2020. Leggi il comunicato dell'Istituto Superiore di Sanità.

Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi. Emigrati negli Stati Uniti nel 1964, cominciarono a realizzare progetti di ampio respiro, intervenendo in maniera diretta su edifici, monumenti o paesaggi interi.

Il lago d'Iseo l'aveva visto protagonista con la sua indimenticabile passerella gialla (The floating piers) nel giugno del 2016.

"In una lettera del 1958, Christo scrisse: La bellezza, la scienza e l'arte trionferanno sempre".

Comments