Coronavirus, nuovo focolaio in Germania: oltre 600 contagi in fabbrica di carne

Adjust Comment Print

La cancelliera ha lodato le autorità territoriali per la velocità con cui hanno effettuato i test e isolato il focolaio, divampato sulla pelle dei dipendenti dello stabilimento.

Il focolaio si è registrato nella ditta Tönnies, nel Nordreno-Vesftalia.

Nel distretto di Guetersloh, le scuole e gli asili nido sono stati di nuovo chiusi fino alle ferie estive, per evitare che il contagio dilaghi. Diversi macelli in Germania e in Europa sono stati invasi dal virus, anche a causa dell'utilizzo di lavoratori migranti, per lo più provenienti da altri paesi europei. Ad ora i tamponi sono stati fatti a 983 persone della Toennies di Rheda-Wiedenbrueck e sono stati 326 i lavoratori risultati negativi.

Corte Suprema Usa, no a licenziamento perché gay
Donald Zarda , che è stato licenziato dal suo lavoro come istruttore di paracadutismo perché è gay , è morto nel 2014. Tutti e tre hanno sostenuto di essere stati licenziati proprio a causa della loro identità sessuale.

Circa 7000 persone sono state messe in quarantena precauzionale. L'impresa verrà temporaneamente chiusa, con importanti conseguenze per il mercato tedesco della carne, dove, stando al Consiglio di Gutersloh, verranno a mancare il 20% dei prodotti del comparto.

Code negli aeroporti tedeschi: primi turisti partono per Baleari.

Sono 657 i casi positivi di Coronavirus registrati dall'inizio della settimana tra i dipendenti di un mattatoio nella città tedesca di Dortmund. "Se uno o due o anche cinque di loro portano un'infezione e poi si trovano al posto sbagliato nel momento sbagliato, questo può portare ad un focolaio", ha dichiarato il responsabile del gruppo Toennis.

Comments