Stati generali, Conte: "Dobbiamo reinventare il Paese, riduzione dell'Iva è un'ipotesi"

Adjust Comment Print

In attesa del Piano di rilancio, "ci sono misure di più immediato impatto, e abbiamo già valutato la opportunità, che probabilmente sarà necessità, di intervenire con un ulteriore scostamento di bilancio, perchè le misure predisposte sappiamo che non saranno sufficienti per reggere questo anno orribile dal punto di vista delle sofferenze sociali".

Dal "contrasto alla povertà educativa", al lancio dei "distretti dell'economia circolare" per la riforma energetica, Conte ha lanciato nella conferenza stampa conclusiva nuove iniziative. "Ci attende una sfida troppo impegnativa per accontentarci di qualche semplice riforma". Ci sono settori che non ripartiranno neanche con la riapertura formale e avranno necessità: "pensate al turismo".

Intanto, ieri pomeriggio, il presidente del Consiglio ha incontrato alcuni cittadini per capire al meglio le esigenze del paese. "Sono tantissimi i cittadini che mi hanno scritto nelle scorse settimane per rappresentarmi varie urgenze e per raccontarmi le loro storie". "Un attimo dopo lavoreremo, stiamo già avvantaggiandoci, stiamo già lavorando per un bridge". Adesso portiamo a casa il negoziato, e spero che il prossimo Consiglio europeo sia determinante e risolutivo. "Non abbiamo ancora fatto di conto, ma dovremo metterci a un tavolo con Gualtieri e il Ragioniere Generale dello Stato", ha detto Conte.

Ag. Politano: "L'esultanza? Ce l'aveva con la panchina della Juventus"
Ha chiarito i motivi per cui c'è stata l'esultanza polemica di Politano nella partita di ieri dopo il rigore. Il gesto è stato immortalato dalle telecamere della RAI e, di conseguenza, non è passato inosservato.

"C'è stato - ha aggiunto - un clima di massima concentrazione, molto proficuo e intenso, abbiamo toccato con mano problemi e sofferenze, ma anche tanta creatività e tanto ingegno, tanta resilienza". Il video è stato pubblicato oggi sulla pagina Facebook del premier che alle 19 sarà in diretta per la conferenza stampa conclusiva dell'evento a Villa Pamphili a Roma.

"Sono stati lavori molto intensi".

"È stato un confronto all'insegna della concretezza, della franchezza, della operosità: abbiamo parlato di progetti concreti, ci siamo anche detti cose che non vanno. Abbiamo - ha risposto Conte agli esponenti delle opposizioni che lo hanno attaccato in questi giorni - costruito il futuro del Paese". L'importante è lavorare per lo stesso obiettivo, per un'Italia più moderna, digitale, con infrastrutture più sicure, più verde e più inclusiva. "Hanno chiesto pubblicamente una soluzione chiara, e credo che come governo abbiamo il dovere di dare subito, nel prossimi giorni, una soluzione chiara", ha rimarcato. "È una protesta che ha assunto dimensioni e, come tutti i governanti, sono preoccupato quando le proteste assumono una deriva violenta, mai ammissibile". "Abbiamo notato tanta genio italico", ha aggiunto. Ora affronta "l'ennesima prova, siamo con lui".

Comments