In Italia è obbligatoria la quarantena dopo riapertura frontiere Ue

Adjust Comment Print

È SI per la Cina, ma con "asterisco", stando a un principio di reciprocità stabilito tra Bruxelles e Pechino (come si legge in una nota a pie-pagina nel documento ufficiale contente l'intero elenco). Gli Stati Uniti potrebbero raggiungere 100.000 casi al giorno se l'epidemia non verrà contenuta, ha detto ieri il virologo Anthony Fauci nel corso di un'audizione al Congresso.

Così come i russi e i brasiliani: una scelta, quella dell'Unione Europea, dettata dallo scarso impegno adottato da Bolsonaro e Trump nel contenimento del Coronavirus. E che vede l'Italia cauta: la quarantena prevista dagli arrivi extra Schengen resta in vigore, ha infatti fatto sapere il ministro della Salute italiano Roberto Speranza, spiegando che "la situazione a livello globale resta molto complessa". Per ora fuori, oltre a Usa, Russia e Brasile restano anche Turichia, India e Israele.

Albania, Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Tailandia, Tunisia e Uruguay.

Lecce, Liverani: "Stagione maledetta, ma crediamo nella salvezza"
La crisi del Lecce non sembra avere fine. (22 Vigorito, 40 Sava, 2 Radicchio, 15 Monterisi, 31 Colella, 34 Maselli, 35 Rimoli). Per il lecce uno stop pericoloso, il quinto consecutivo che potrebbe aprire scenari davvero oscuri.

Non cambia invece nulla per i Paesi europei interni a Schengen, tra i quali resta la libera circolazione decretata dal governo il 3 giugno e abbracciata da tutta Europa il 15 giugno.

La parziale riapertura delle frontiere non ha tuttavia aiutato al rialzo il settore europeo viaggi e compagnie aeree: l'indice paneuropeo Eurosotxx Travel&leisure segna un ribasso dell'1,18%, scendendo a 161,94 punti, mentre quello relativo alle compagnie aeree perde l'1,26%, a 204 punti.

La raccomandazione del consiglio non è uno strumento giuridicamente vincolante. Alcune nazioni hanno manifestato punti di vista diversi, e alcuni hanno messo in dubbio l'affidabilità dei dati forniti da paesi terzi. Le restrizioni di viaggio possono essere revocate o reintrodotte in tutto o in parte per un determinato paese terzo già elencato in base ai cambiamenti di alcune condizioni e, di conseguenza, nella valutazione della situazione epidemiologica. La Gran Bretagna, nonostante la Brexit, viene ancora formalmente considerata parte dell'Ue per tutta la durata del periodo di transizione, che terminerà a fine anno. I cittadini in arrivo da quei paesi saranno esentati dalla quarantena obbligatoria.

Comments