Inter, autocritica Conte: "Siamo tutti in discussione, io per primo"

Adjust Comment Print

"Potevamo fare meglio anche in quell'episodio", commenta Conte. Il classe 1991 dopo aver rispedito al mittente la conclusione dell'attaccante argentino è stato in grado di parare anche il tiro di Gagliardini, che si era fiondato sul pallone dopo la sua respinta. Cambi ritardati? Eravamo in totale controllo, la partita era dominata. "Ma siamo riusciti a perdere".

"Essendo l'allenatore sono il primo responsabile e le domande me le faccio quotidianamente, poi cerco tramite il lavoro di avere delle risposte". Ho le mie responsabilità, sono io a indirizzare la situazione ed è giusto che sia molto arrabbiato prima di tutto con me stesso.

"Mi viene difficile da spiegare perché sull'undici contro dieci sei in vantaggio: hai la possibilità di segnare su rigore e non lo fai, però rimani sempre undici contro dieci e con il pallino del gioco in pieno controllo e poi accade quello che è accaduto". CLICCA QUI per le altre news sull'Inter. Ho l'impressione che ci sarà comunque un mercato creativo, fatto di molti scambio. Non consola la rete numero 20 di Lukaku, che nella statistica raggiunge Ronaldo.

UFFICIALE Inter: Hakimi ha firmato un quinquennale
Ma scopriamo meglio chi è il nuovo acquisto nerazzurro, con l'Italia nel destino e la sexy fidanzata. Sulla trequarti Conte dovrebbe confermare Eriksen nonostante la prova incolore di domenica sera.

La squadra di Maurizio Sarri allunga notevolmente sull'Inter dopo la sconfitta interna dei nerazzurri subita dalla squadra allenata da Sinisa Mihajlovic.

Skorupski è stato decisivo anche nel finale, quando su un tiro di Alexis Sanchez da posizione ravvicinata è stato in grado di alzare la palla sulla traversa e ha chiuso a doppia mandata la porta rossoblù.

Ma c'è un segreto, cime spiega l'ex tecnico granata: "Ieri guardavo l'Atalanta contro il Napoli, ho mostrato ai miei cosa fanno i giocatori di Gasperini". Cercheremo di risparmiarli, prima o poi vedremo tutti all'opera per valutare chi può rimanere il prossimo anno a far parte del Bologna e chi, magari, dovrà andare a farsi le ossa.

Comments