Autista di bus in morte cerebrale, picchiato da passeggeri senza biglietto

Adjust Comment Print

Secondo la polizia, il conducente è stato riempito di botte quando si è rifiutato di far salire sull'autobus un uomo con un cane che non portava la mascherina e quando ha chiesto anche ad altri passeggeri che si trovavano già sulla vettura, - anche loro senza mascherina né biglietto - di scendere.

La vittima, di circa 50 anni, è stata massacrata di colpi alla testa e gravemente ferita e, secondo quanto si apprende da fonti della polizia, è in stato di morte cerebrale. Quando i soccorsi sono giunti sul luogo del pestaggio era infatti già in gravissime condizioni e il personale sanitario lo ha trasportato d'urgenza all'ospedale di Bayonne.

Oggi i suoi colleghi dell'intera regione sono in sciopero, nove le linee bloccate dall'astensione dal lavoro.

Erano le 20 di lunedì sera quando la Polizia locale di Rimini è intervenuta nella zona di San Vito, su segnalazione di un autista del trasporto pubblico locale, costretto a fermare il proprio autobus perché a bordo c'era una persona che non indossava, come invece previsto dalle norme a salvaguardia della salute pubblica, la mascherina.

La Mercedes di Bottas vince in Austria. Hamilton penalizzato fa gioire Leclerc
Il primo Gran Premio della stagione è partito con un messaggio forte contro il razzismo . Tra quelli che non si sono voluti inginocchiare c'è stato Charles Leclerc .

Solo uno dei componenti del branco è stato fermato, gli altri aggressori sono in fuga.

Un'aggressione violentissima avvenuta nella serata di domenica.

Il conducente del autobus di Bayonne è stato così picchiato selvaggiamente fino a ridurlo in fin di vita.

Comments