Coronavirus, Ghebreyesus (OMS): "Il virus accelera, picco non raggiunto"

Adjust Comment Print

Ad affermarlo il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra. La trasmissione aerea è una realtà possibile da non sottovalutare. E ieri, una giornata che resterà nelle cronache di questa catastrofe planetaria, mentre i dati dei contagi schizzavano ancora verso l'alto nei paesi al momento maggiormente colpiti dalla malattia, ovvero nelle Americhe e in Asia meridionale, il Brasile è rimasto scioccato dalla notizia della positività al nuovo coronavirus del suo presidente, Jair Bolsonaro. " In tutto contiamo 11,4 milioni di casi e oltre 535.000 vite perse".

L'analisi si concentra sulle goccioline più piccole, quelle che rimangono sospese in aria. Ma i numeri preoccupanti si registrano anche in America Latina e in alcuni Paesi asiatici come l'India, diventato in poco tempo il terzo stato al mondo per numero di contagiati.

Una scelta più che sbagliata.

"Tutti i leader mondiali, tutte le nazioni devono lavorare insieme per far fronte a questo virus".

Il Rally Italia Sardegna si correrà dal 29 ottobre al 1 novembre
Queste le parole del promoter del WRC , Oliver Ciesla: "Questo annuncio è un chiaro segnale: il WRC 2020 è tornato". Il calendario rivisto del JWRC verrà definito a breve.

Dopo la lettera sulla trasmissione aerea del Coronavirus, firmata da 239 esperti ed indirizzata all'OMS, quest'ultima ha in parte cambiato posizione e dopo le smentite iniziali ha confermato l'esistenza di "prove emergenti" sulla trasmissione per via aerea del Covid-19.

La Dottoressa Van Kerkhove ha affermato che il gruppo di firmatari ha scritto per la prima volta all'agenzia delle Nazioni Unite il 1 ° aprile e da allora c'è stato un "impegno attivo" con la comunità scientifica.

Finora invece l'Oms aveva escluso che il Covid-19 potesse trasmettersi per via aerea, tranne che in condizioni estreme, come le rianimazioni cardiopolmonari, e broncoscopie e altre procedure mediche.

Secondo gli esperti ci sono prove del fatto che il virus si trasmetta nell'aria e questo, se verificato dall'Oms, avrebbe importanti conseguenze sui comportamenti da adottare per contenere il virus. "Questo è un patogeno respiratorio ma non escludiamo nessuna possibilità, continuiamo a studiare le evidenze".

Comments