Ue, Orban: "Su governance lite tra olandesi e italiani"

Adjust Comment Print

"L'Olanda vorrebbe creare un meccanismo per controllare la spesa dei Paesi del Sud".

Intorno alle 11:00 la cancelliera tedesca si è poi riunita, negli uffici della delegazione tedesca al Consiglio europeo, con il premier italiano Giuseppe Conte, il presidente francese Macron, il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez e la presidente della Commissione Von Der Leyen.

"Bisogna dare i soldi ai Paesi che ne hanno bisogno e permettere loro di spenderli appena possibile per stabilizzare le loro economie, invece di ingaggiare lunghe dispute burocratiche. - prosegue - Se li aiutiamo al momento giusto li aiutiamo due volte". Sarebbe forse il caso che i leader nostrani si confrontassero con questi rappresentanti di una tradizione che fa onore alla storia della socialdemocrazia. Lo ha detto Matteo Salvini a margine di un presidio al quartiere QT8 di Milano, replicando al sindaco Beppe Sala che aveva giudicato 'svilente' l'intenzione del leader leghista di candidarsi a sindaco della città solo 'a fine carriera'. In totale, la distanza tra lo schieramento di governo e l'opposizione si riduce ulteriormente: resta favorito il centrodestra, con una percentuale che però ora è intorno al 5%, in netto calo rispetto alle settimane precedenti. E persino il tanto sbandierato "stato di diritto", che secondo la sinistra verrebbe costantemente violato da questi pericolosi autocrati, conta un po' meno se in ballo ci sono miliardi per l'Italia e la sopravvivenza stessa del governo Conte. Il Segretario del Carroccio è stato protagonista di diversi episodi ieri, come abbiamo riportato stamane a proposito della contestazione che gli è stata riservata a Martina Franca, mentre sulla questione Matera c'è altro da mettere in evidenza.

Calciomercato Juventus, Sarri rischia con la Lazio
Intanto Calciomercato .it 'azzarda' due possibili soluzioni che potrebbero essere adottate in questo finale di stagione. Del "sarrismo" si è visto poco o nulla.

"Continua il negoziato. Da una parte la stragrande maggioranza dei Paesi - compresi i più grandi Germania, Francia, Spagna, Italia - che difendono le istituzioni europee e il progetto europeo e dall'altra pochi Paesi, detti "frugali", scrive il premier italiano su Facebook".

La trattativa sul Recovery Fund non si sblocca. Prima del summit, previsto per le 12, c'è stata una serie di incontri ristretti nel tentativo di agevolare un percorso che appare molto accidentato. "Farò ogni sforzo ma è ancora possibile che oggi non si possano ottenere risultati".

Comments