Bocelli "umiliato e offeso per la privazione della libertà" durante il lockdown

Adjust Comment Print

Lo fa anche ad alto livello, se si considera che può essere considerato una star internazionale. Non fa sicuramente il medico o lo scienziato, ma la portata del suo personaggio genererà discussioni per la sua idea sul Coronavirus.

Come riporta Repubblica, un convegno di negazionisti del COVID-19, organizzato oggi in Senato da Vittorio Sgarbi, ha avuto un ospite e testimonial d'eccezione: il tenore Andrea Bocelli. Parole, quelle di Bocelli, che sembrano andare in controtendenza con quelle che sono le opinioni degli studiosi e le immagini che, nei mesi scorsi, hanno raccontato un dramma da oltre 35.000 vittime solo in Italia.

Ma sono decine e decine i commenti della gente comune che non ha affatto apprezzato le parole di oggi di Andrea Bocelli.

"Se non conoscete nessuno che sia stato in terapia intensiva e vi permettete di instillare il dubbio che la pandemia sia stata fantascienza - chiosa il rapper su Twitter - vi presento un mio amico che causa Covid ha dovuto subire un trapianto di polmoni a 18 anni". Dopo aver dato atto delle difficoltà di governare una situazione simile, ha iniziato a ragionare sull'accaduto.

Alex Zanardi operato alla testa: come sta, video
Ora questa ennesima operazione e la speranza rinnovata di poterlo vedere nuovamente in pubblico. Alex Zanardi è stato dimesso dall'ospedale di Siena .

Problema divenuto rilevante soprattutto in Lombardia. Resta il fatto che per le ragioni esposte, alcune uscite di Andrea Bocelli stiano facendo storcere il naso.

Affermazione che, nel corso del suo intervento, diventa il presupposto per scagliarsi contro le misure restrittive a cui sono stati costretti gli italiani. A parte una leggera febbre, stato sostanzialmente un asintomatico. Poi ho cercato di analizzare la realtà e mi sono reso conto che le cose non erano così come ci venivano raccontate", ha aggiunto criticando anche la gestione della chiusura delle scuole: "Mi preme rivolgere un appello per dire che bisogna riaprire le scuole e riprendere i libri in mano.

Singolare anche l'ammissione di non aver rispettato le norme.

Comments