Fughe di migranti, il governo manda l'esercito nei centri dimensione font +

Adjust Comment Print

Lotta alla criminalità Nella prospettiva di migliorare una collaborazione già consolidata, la ministra Lamorgese ha ribadito che, soprattutto in questa fase di pandemia Covid-19, risulta determinante l'azione della Tunisia per il controllo del territorio e delle frontiere, soprattutto marittime, per smantellare - come condiviso dai Paesi della Ue e da quelli africani nel recente vertice ministeriale in videoconferenza da Trieste - le attività della criminalità organizzata che ha fatto del traffico di migranti la sua principale attività. Raggiungere l'obiettivo non è facile, la titolare del Viminale lo sa bene: "Gestire i flussi migratori di questa entità è difficile in tempi normali, ma ora con le problematiche legate alla diffusione del Covid-19 la situazione è diventata davvero molto complessa". "Il meccanismo, si è fermato durante la crisi pandemica, ma adesso l'Unione deve riattivare quanto stabilito a Malta a settembre scorso". Lamorgese ha anche avuto un incontro con il ministro dell'Interno uscente, ora incaricato premier Hichem Mechichi.

Tunisi - La ministra dell'Interno Luciana Lamorgese ha incontrato oggi a Tunisi Kais Saied, presidente della Tunisia. Basti pensare che l'intesa con la Tunisia prevede che l'Italia invii due charter da 40 persone alla settimana a fronte delle migliaia di arrivi, il Marocco non vuole charter e pretende che ogni migrante sia accompagnato da due poliziotti su voli di linea a costi esorbitanti, un po' meglio vanno le cose con Egitto, Gambia e Niger.

Vaccino Usa per il Coronavirus, al via test sull'uomo - Scienza & Tecnica
Quanto all'azienda svedese, ha affermato che sarà in grado di produrre dosi per mezza popolazione mondiale nell'arco di un anno. Il costo si aggirerà intorno ai 2/3 euro .

In area Pd, invece, arriva la bocciatura all'esecutivo da parte di Matteo Orfini, che a Repubblica giudica "fallimentare" la strategia iniziata "con il governo Gentiloni".

In modo da garantire il massimo della sicurezza per la tutela della salute pubblica, nei prossimi giorni, all'esito della procedura accelerata di gara in corso, sarà operativa una nuova unità navale di grandi dimensioni da destinare allo svolgimento della quarantena obbligatoria per i migranti sbarcati. I migranti sono stati fatti sbarcare al molo Madonnina perché il molo Favarolo è stracolmo di imbarcazioni tunisine e le motovedette non riescono più ad attraccare agevolmente. Nella cittadina siciliana alcuni migranti sono fuggiti dalla tensostruttura allestita sulla banchina, dove vengono accolti al loro arrivo da Lampedusa, in attesa di una successiva ricollocazione. "Noi sindaci", aggiunge, "siamo colpevolizzati per gli effetti di decisioni e responsabilità che non ci competono e che non ricadono nelle prerogative del nostro mandato". Il governo giallofucsia cerca di metterci una toppa - anche se l'unica soluzione efficace sarebbe il blocco navale e la chiusura dei porti, come chiede l'opposizione - e annuncia l'invio dell'Esercito. E scrive al ministro Lamorgese sostenendo che nella sua città "la sicurezza non si percepisce più".

Comments