Valentino Rossi e le modifiche Yamaha: il punto di Jarvis

Adjust Comment Print

Il secondo successo consecutivo, in un mondiale "ristretto" e con il rivale più accreditato a quota zero, non può che fungere da ulteriore stimolo per il giovane ventunenne del team Petronas. In entrambe le gare non ha mai avuto il passo di Quartararo. "È vero che Quartararo ha 50 punti e che sarà sicuramente veloce su tutte le piste, ma un campionato come questo penso che sia molto aperto per tutti tutti". Se si guardano i suoi numeri, quando ha un obiettivo commette ancora meno errori. E il risultato nella corsa di ieri lo ha sicuramente dimostrato. Più che Dottore questa volta si è trattato di un primario che sicuro di avere la cura, ha insistito per quattro lunghi giorni con la propria equipe di medici, ah no pardon, meccanici per settare i giusti parametri per la gara.

L'idea di sostituirlo nel 2021 con il "Dottore" visto nella gara inaugurale della stagione aveva creato un po' di apprensione al manager malese, che però si è dovuto ricredere domenica, dopo il ritorno sul podio del pesarese, come ha rivelato in un'intervista concessa alla Gazzetta dello Sport. Non vogliamo essere popolari perché c'è lui, ma contribuire a renderlo competitivo anche alla sua età. Oggi a 41 è lì con la stessa grinta di sempre e in barba alle difficoltà, non è mai sembrato intenzionato a mollare.

Calciomercato Lazio, top player per Inzaghi | Suggestione David Silva!
In più l'ex Valencia ha già ricevuto offerte faraoniche dalla Major League negli Stati Uniti e dagli Emirati Arabi . Lo spagnolo, che si è svincolato, sarebbe una precisa richiesta del tecnico Simone Inzaghi .

Non dev'essere stato facile, per Razali, presentare al management di Petronas la prospettiva di sostituire Quartararo - anche prima delle due vittorie di quest'anno pezzo pregiatissimo del mercato - con un pilota ingombrante come Valentino Rossi, la cui popolarità è fuori discussione ma le cui prestazioni erano in netto calo. Mi limito semplicemente a considerare l'appello di Rossi che chiede di essere ascoltato di più dallo staff Yamaha. Le condizioni climatiche già proibitive implementate dal calore dello scarico della moto del compagno di squadra non lo hanno fatto desistere, evidenziandone le ottime condizioni fisiche. Ma a essere onesto, fino a dopo la prima gara avevo dei dubbi.

Ducati: non è la pista adatta alla Rossa e si sa.

Comments