Francesco Facchinetti furioso: "Volevo ammazzarlo di botte"

Adjust Comment Print

Ha riferito che era in macchina con un amico e ad un certo punto gli si è avvicinata un'altra macchina alla cui guida c'era un uomo sui 50 anni che ha abbassato il finestrino e gli ha detto: "Figlio di putt***, devi morire" e poi gli ha sputato addosso.

Vittima di odio gratuito con aggressione verbale, Francesco Facchinetti, showman e imprenditore di Mariano.

Francesco Facchinetti è solito aggiornare i suoi followers su Instagram con delle storie inerenti la sua vita personale e tutto ciò che gli accade.

L'artista insieme alla conduttrice di Temptation Island Vip 2, Alessia Marcuzzi, hanno vissuto una grande storia d'amore, culminata con la nascita della figlia Mia.

Cts: Internazionali d'Italia a porte chiuse
Il Cts ha analizzato le proposte della federtennis ritenendo non accettabile la presenza giornaliera di 17mila spettatori. Il Cts ( Comitato tecnico scientifico ) non ha infatti accolto le linee guida presentate dalla federtennis .

Facchinetti infatti al momento ha una famiglia allargata, vivendo con l'attuale moglie Wilma e i suoi 4 bambini, di cui appunto Mia avuta con la Marcuzzi e Charlotte che la moglie ha avuto con l'ex compagno. Il noto figlio d'arte è stato insultato e aggredito mentre era fermo con la sua auto ad un semaforo.

Lo sfogo di Francesco Facchinetti non ha raccolto solo sostegno, in tanti infatti sono scagliati contro di lui sui social, definendolo in più occasioni figlio di papà: "Fai il figo perché sei figlio di papà" racconta sempre su Instagram.

Parlando della sua vita e dell'invidia e sottolineando che: "Chi invidia è mediocre!", Facchinetti ha poi concluso la narrazione dicendo: "Io torno alla mia bella famiglia, tu invece torni a casa incazzato con la tua auto di me.a". Ecco cosa è successo realmente nelle scorse ore e cosa ha detto il figlio dei Pooh. "Primo non ho deciso io di essere figlio di papà, secondo essere figlio di mio padre è una grandissima cosa ma non perché mio padre mi abbia dato dei soldi ma perché mio padre è un mito". E' stato provvidenziale l'intervenuto di un collega in macchina con lui, che gli ha impedito di perdere ulteriormente la calma. "In questo li devo proprio ringraziare".

"Lo sapete sono fumantino, le mamme non si toccano", ha affermato Facchinetti. Chiosa dura, ma in perfetto stile Francesco Facchinetti del resto.

Comments