5 parlamentari chiedono il bonus partita Iva da 600 euro

Adjust Comment Print

Il referendum confermativo senza quorum la sancirà definitivamente, offrendo a una minoranza l'occasione malinconica di testimoniare che questa porcheria non si consuma in suo nome. A richiederlo sarebbero stati in 5 (tre della Lega, uno del Movimento 5 Stelle, uno di Italia Viva).

Dall'Inps - che ha individuato i casi attraverso la propria unità antifrode, scoprendo, oltre i parlamentari, anche centinaia di amministratori locali che hanno preso il bonus: consiglieri regionali, sindaci e assessori - nulla trapela per ragioni di privacy. Ma nelle ultime ore crescono soprattutto le voci di chi si appella all'Inps, con toni anche infuocati.

"E ancora: "#FuoriINomi dei miei 5 dipendenti, lautamente retribuiti, che hanno truffato lo stato! Che un decreto del governo lo permetta è una vergogna - attacca Salvini - ma che l'Inps abbia dato quei soldi è una vergogna. Una brutta storia di deputati avidi e governo incompetente sulla quale pretendiamo massima chiarezza. Vogliamo i nomi, altro che privacy! Per completezza bisognerebbe ricordare che Meloni ha invece proposto di dare 1000 euro a tutti con controlli successivi. Una regola che vale in questo, come in altri casi, ricordano fonti vicine all'istituto di previdenza, dopo la vicenda dei deputati e consiglieri che hanno usufruito del bonus di 600 euro riservato ai lavoratori autonomi e alle partite Iva in difficoltà per l'emergenza Covid.

All'attacco è andato anche Di Maio: "È vergognoso. È davvero indecente". Così, la giornata si trasforma in una caccia alle streghe, mentre i leader invocano il pentimento dei rei e insieme promettono condanne esemplari.

Coronavirus, nel mondo superati i 20 milioni di contagi
Il tragico traguardo è stato raggiunto poiché i nuovi casi negli Stati Uniti si aggirano intorno ai 54mila ogni giorno. Lo ha riferito il ministero della Sanità brasiliano, precisando che rispetto a ieri si contano 703 decessi in più.

Di certo la questione ha suscitato una sorta di indignazione dell'opinione pubblica e il gioco ci sono i voti.

Poi aggiunge: "Questa pandemia ha fatto danni economici senza precedenti". Non mi importa da quale forza politica provengano, so soltanto che questi 5 deputati non possono più rappresentare le istituzioni. Secondo me questa situazione si risolverà in questo modo: "i parlamentari dovranno uscire pubblicamente chiedendo scusa e restituendo i soldi".

Oltre a diversi impiegati regionali e comunali, il bonus 600 euro è stato percepito anche da professionisti come notai ed ingegneri pur non avendone bisogno.

Sulla stessa linea anche Licia Ronzulli, vicepresidente di Forza Italia al Senato, che afferma: "Se confermato, questo sarebbe semplicemente uno scandalo". "Noi abbiamo dovuto inventare da zero in pochi giorni uno strumento di sostegno - ha continuato - i 600 euro che sono stati replicati per una seconda mensilità, che sono stati poi trasformati in un bonus di mille euro condizionato selettivamente alla riduzione di fatturato, ma nella situazione di emergenza noi abbiamo scelto di privilegiare la rapidità". "Restano salvi gli eventuali controlli sui beneficiari delle provvidenze da parte dei soggetti competenti e l'utilizzabilità dell'accesso documentale, esercitabile da chi ne abbia diritto".

Comments