Coronavirus, ecco il primo vaccino: arriva da Mosca

Adjust Comment Print

Oggi però Vladimir Putin ha annunciato che il ministero della Sanità russo ha registrato il primo vaccino al mondo contro il coronavirus e che ad averlo testato è stata (tra gli altri) sua figlia.

In Russia nelle ultime 24 ore sono stati registrati 4.945 nuovi casi (per la prima volta dal 23 aprile si scende sotto i 5mila) e 130 decessi. "Fare vaccinazioni di massa senza test adeguati, non è etico". Per Svetlana Zavidova, capo dell'Associazione delle organizzazioni per gli studi clinici in Russia, è "ridicolo dare l'autorizzazione sulla base di questi dati".

Il dato più preoccupante è il fatto che non c'è ancora stata una sperimentazione su larga scala. "Il nostro sistema per il monitoraggio della sicurezza penso non sia il migliore", osserva. Non è tanto una questione tecnica, ma di qualità della produzione del vaccino.

Putin ha dichiarato che anche a una delle sue figlie è stato somministrato il vaccino sperimentale russo contro il Covid-19 e sta bene. La conferma arriva anche dal ministro della Salute Mikhail Murashko. "Se sbagliano, potrebbe minare l'intera impresa globale", gli fa eco Peter Hotez, del Baylor College of Medicine di Houston, in Texas.

Coronavirus, tra guariti e nuovi contagi
Aumentano i casi di positività (+463; ieri +347) per un totale di 250.566 persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2. In alcune realtà regionali, anche se i casi sono diminuiti, continuano ad essere segnalati numeri di nuovi casi elevati.

Su una cosa Matteo Salvini e Giuseppe Conte sembrano convenire: il vaccino Covid non dovrebbe essere obbligatorio.

"Certamente il vaccino ha potenziale di esportazione e lo offriremo senza dubbio a Paesi stranieri, ma le necessità del mercato domestico sono la nostra priorità". La corsa al vaccino è molto.

Le prove cliniche del vaccino sono iniziate a fine giugno.

La Russia ha iniziato i trial su volontari di un secondo vaccino per il Sars-Cov-2. Zitto zitto, Vladimir Putin ha lavorato con i suoi esperti senza troppo clamore e, se la comunità medica mondiale lo confermerà, ha messo a punto il vaccino che può salvare il mondo. Anche Pinochet, i generali argentini, l'esercito boliviano, Bolsonaro, la destra anti Maduro e compagnia cantante hanno rovesciato o tentano di rovesciare con l'avvallo euroamericano i regimi delle sinistre "totalitarie" in nome della libertà: peccato siano fascisti.Il povero Giulietto Chiesa si starà rivoltando nella tomba. "Stanno mettendo a rischio la loro popolazione".

Comments