Ecco perché "Fortnite" è scomparso dagli Store di Apple e Google

Adjust Comment Print

Da diverse ore i fans del popolare videogioco Fortnite lo avranno notato: il titolo sviluppato da Epic che ha ridefinito e probabilmente reso iconico il genere battle royale, non è più disponibile sull'App Store di Apple, rendendo così di fatto impossibile scaricarlo per dispositivi come Iphone e Ipad.

Epic Games ha risposto con una serie di tweet, annunciando provvedimenti legali e pubblicando un corto che ha spopolato sul web.

Fortnite ha tentato di "scavalcare" gli interessi economici delle due aziende, così da assicurarsi l'intera quota dei soldi spesi dagli utenti. Come se ciò non bastasse, altri problemi si sono aggiunti per il team di Epic Games.

Champions: Atalanta in campo alle 21, la diretta su Canale 5
In Europa con il PSG sarà diverso dall'Italia. "I pronostici sono a favore dei francesi , ma la possibilità di un'impresa c'è". Mi auguro la mancanza di esperienza sia un fattore positivo. "Dovremo essere bravi da subito", aggiunge Gasperini .

Una provocazione, più che un servizio ai clienti, la cui natura viene ulteriormente evidenziata dalla scelta dell'editore di caricare sulla Rete un video canzonatorio nel quale si scimmiotta un noto spot della Macintosh, video in cui Apple viene rappresentata come un Grande Fratello bacato.

"Epic ha abilitato una funzione nella sua app che non è stata revisionata o approvata da Apple e lo ha fatto con il preciso scopo di violare le linee guida dell'App Store riguardo i pagamenti in-app". Per gli sviluppatori di videoludici che scelgono di utilizzare il Play Store, abbiamo concrete politiche che sono eque per gli sviluppatori e mantengono lo store sicuro per gli utenti. Di conseguenza, la loro app Fortnite è stata rimossa dallo store. "Faremo ogni sforzo per collaborare con Epic al fine di risolvere queste violazioni in modo che possano riportare Fortnite sull'App Store". Il Ceo Daniel Ek ha invitato la commissione Europea a valutare se non si trattasse di concorrenza sleale e abuso di posizione dominante, e ora anche Oltreoceano vogliono vederci chiaro: per questo Tim Cook è stato ascoltato qualche settimana fa al Congresso, insieme con i capi di Facebook, Amazon e Google. Meglio ancora la Epic Games accusa la Apple di condotta anti concorrenziale. Ma stavolta, a spezzare l'incubo del pensiero unico, è proprio un personaggio di Fortnite. E infatti, qualche ora più tardi rispetto all'App Store, Fortnite è scomparso anche da quello.

Secondo Epic, Google avrebbe inoltre forzato OnePlus a non siglare un accordo che avrebbe portato alla preinstallazione di uno speciale launcher di Fortnite sui suoi telefoni e avrebbe chiesto a LG di abbandonare intenzioni simili perché l'azienda sudcoreana aveva un accordo per bloccare il download fuori da Google Play Store per l'anno in corso.

Comments