Discoteche chiuse, Linus infuriato: "Senza senso, da ubriachi"

Adjust Comment Print

Ricorda che a Ibiza, un'isola spagnola famosa soprattutto per la vivace vita notturna nelle città di Ibiza e Sant Antoni, hanno avuto il coraggio di tenere chiuse tutte le discoteche riducendo così al minimo storico i turisti.

"I manager di club non sono esattamente una categoria al di sopra di ogni sospetto", continua Linus: "ma come puoi pensare che le persone in un club non fanno quello che hanno fatto, cioè dire di stare insieme?". Perché le avete fatte aprire, eravate ubriachi o interessati?

"Linus spiega come "a Ibiza, capitale dei nightclub europei, hanno avuto il coraggio di tenerli chiusi", Mentre in Italia" ogni regione potrebbe decidere in base al caso della regione ". E prosegue: "I ragazzi hanno migliaia di altri modi per divertirsi". Non ci si può certo chiudere in un bunker e dispiace per gli esercenti della categoria. Prenditi dei rischi, ovviamente, perché è assurdo pensare di chiudersi in un bunker. Dopo aver ammesso di essere stato a fatica in silenzio in questi giorni, si chiede: "Ma quale imbecille di politico, governatore, sindaco o questore poteva pensare che si potessero aprire e non avere assembramenti?!?". Infine, riguardo la crisi del settore: "Certo, e ovviamente mi dispiace, ci ho passato buona parte della mia vita, ma a parte Amazon conoscete qualche attività che non abbia avuto problemi da questa situazione?".

Poi affronta la questione economica: "Il settore è in crisi".

Calciomercato Lazio, Kumbulla in stand-by: assalto dopo Ferragosto
Resta sullo sfondo invece la Juventus in attesa di definire le linee guida assieme al nuovo tecnico Andrea Pirlo. La Lazio si è inserita d'improvviso sul mercato estivo.

Un presa di posizione dura, diretta e, forse anche a sorpresa, arriva nella serata di domenica 16 agosto rispetto all'ordinanza del Governo Conte relativa alla chiusura delle discoteche, a sparare ad alzo zero è Dj Linus, nome d'arte di Pasquale Di Molfetta, conduttore radiofonico e televisivo, direttore artistico di Radio Deejay prima e ora direttore editoriale di tutto il polo radiofonico del gruppo GEDI, l'editore tra gli altri, di alcuni dei quotidiani più vicini all'esecutivo, La Repubblica, La Stampa e l'Huffington Post.

Per Linus non ci sono dubbi: "Le discoteche dovevano restare chiuse". ", poche semplici parole che messe insieme sono sicuramente meno eloquenti".

Eppure riescono con facilità a illustrare la tanta superficialità dei giovani e meno giovani che in questi ultimi mesi hanno avuto.

Come Linus, anche Gabry Ponte dunque dice indirettamente che tutti questi contagi si potevano evitare con dei comportamenti adeguati e tanto buon senso.

Comments