Sanità, Speranza "Dall'1 settembre superticket abolito" Agenzia di stampa Italpress

Adjust Comment Print

Lo ha scritto il ministro della Salute, Roberto Speranza, su Facebook.

Roma - Superticket addio, da oggi niente 10 euro in più sulle ricette. Per il ministro della Salute, Roberto Speranza, il superticket era "un elemento di discriminazione e di diseguaglianza", che limitava l'accesso a tante visite specialistiche di una moltitudine di cittadini.

Successivamente col Ddl Sanità 2020 ci sarà anche il riordino dei ticket in base al principio di progressività.

Sarà previsto anche un importo come limite massimo annuale di spesa, al raggiungimento del quale cesserà l'obbligo dell'assistito di partecipare alla spesa sanitaria.

Si trattava di un ticket regionale, introdotto nel 2006 ma reso operativo solo 9 anni fa, per garantire alle Regioni ulteriori entrate dopo i tagli alle amministrazioni locali. Alcune lo hanno applicato, altre lo hanno già rimosso da tempo. Che però non competono al Ministero della Salute, bensì alle Regioni.

Aggiornamento coronavirus, 3 casi a Rimini
Oggi in Emilia-Romagna si registra un numero di tamponi superiore a 9.200. Le persone complessivamente guarite sono 24.482 (+4 rispetto a ieri).

Superticket dove si paga in base al reddito? In Toscana invece era proporzionale al reddito. 1, comma 446 dispone infatti che: "omissis - a decorrere dal 1° settembre 2020, la quota di partecipazione al costo per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale per gli assistiti non esenti, è abolita".

Il passo decisivo è stato dato dal Patto con le Regioni, che ha sbloccato la situazione della sanità e portato a 550 milioni l'anno in sostituzione del superticket.

Come funziona l'abolizione superticket dal 1° settembre? L'abolizione è stata prevista dalla Legge Bilancio 2020.

Dal primo settembre in tutta Italia non si pagherà più il superticket sanitario, la quota di 10 euro aggiuntiva al ticket per esami e visite specialistiche.

Comments