Coronavirus, AstraZeneca sospende i test sul vaccino: reazione avversa in un volontario

Adjust Comment Print

La AstraZeneca ha deciso di sospendere - come riporta il sito nazionale repubblica.it - tutti i test clinici sul vaccino anti Covid-19 che sta sviluppando con l'Università di Oxford dopo uno dei partecipanti ha accusato una seria potenziale reazione avversa. Il vaccino AstraZeneca-Oxford University è considerato un candidato forte tra decine in fase di sviluppo a livello globale su cui si è concentrato l'impegno dell'Italia con Francia, Germania e Olanda "che ha permesso di spingere l'Ue verso una forte accelerazione rispetto alla possibilità di avere un vaccino il prima possibile" come ha ricordato il ministro della Salute Roberto Speranza. La Borsa giapponese scivola così sui minimi da fine agosto, trascinata dal sell-off sui titoli tecnologici.

L'Europa aveva concluso un accordo con AstraZeneca per 400 milioni di dosi, che sarebbero dovute arrivare anche in Italia. In totale sono novanta i volontari che parteciperanno a questa prima fase, suddivisi in due gruppi per età: 45 tra i 18 e i 55 anni, altrettanti di età superiore ai 65 anni.

Per proseguire con le sperimentazioni sul vaccino, ora, "siamo in attesa che il caso sottoposto al comitato indipendente di esperti venga analizzato".

Lazio, caso Acerbi: "Mi aspetto un minimo di rispetto"
Il rapporto di Francesco Acerbi con la Lazio non è proprio idilliaco dopo le diatribe riguardo il rinnovo del contratto. Non mi sono piaciute le parole che ha rilasciato Francesco Acerbi mentre era con la Nazionale .

A Verona 6 persone si sono offerte volontarie per farsi fare il vaccino anti-Covid. "Si tratta di una procedura di routine che deve essere messa in atto quando si verifica una malattia potenzialmente inspiegabile in uno dei trial, mentre se ne indaga la natura, per assicurarsi di mantenere l'integrità delle sperimentazioni". Una corsa contro il tempo spinta ancora più all'estremo dal presidente Trump che punta a un vaccino prima del voto per guadagnare consensi. Chiudiamo così il primo gruppo di 15", spiega Milleri, che sui tempi per avere un vaccino da questa sperimentazione precisa: "non arriverà prima della seconda metà del 2021. Durante la fase 3 dei test, ovvero quella che prevede la somministrazione del farmaco a un numero sempre maggiore di volontari al fine di scoprire se sia efficace e sicuro, è accaduto esattamente questo: un problema di sicurezza.

Questo ha portato a un immediato congelamento delle procedure.

Comments