Va ridimensionata la sospensione del vaccino AstraZeneca per il Covid

Adjust Comment Print

Questa fase servirà per capire se vi sono effetti collaterali e se la dose è immunogenica. Saranno 90 i volontari che inizieranno la sperimentazione del vaccino contro il COVID-19. Commenta così Antonio Metastasio, psichiatra ternano del National health service britannico, residente a Cambridge, che sta partecipando come volontario alla terza fase di sperimentazione del vaccino che sta sviluppando l'azienda farmaceutica AstraZeneca in collaborazione con l'Università di Oxford e l'italiana Irbm di Pomezia. La causa sarebbe una reazione grave in un partecipante allo studio. "Non ho paura. Prima di accettare mi sono documentato a fondo, ho studiato il lavoro dei ricercatori della ReiThera, la società biotecnologica romana che ha realizzato e brevettato il vaccino". Al momento però la fase di sperimentazione ha subito uno stop, il secondo da quando è entrato nella fase 2-3 di sperimentazione.

"Mi sono proposta dopo aver saputo che l'ospedale di Cremona partecipava al trial e cercava volontari. Ci impegniamo per la sicurezza dei nostri partecipanti e per mantenere i più elevati standard di condotta nei nostri trial", ha aggiunto l'esperto.

"Se tra sei mesi non avranno evidenziato controindicazioni ed avranno prodotto anticorpi contro il Coronavirus - ha commentato sulla stampa locale Stefano Milleri, direttore del Centro - potremo dire di essere sulla buona strada per il vaccino". Anche se il vaccino di AstraZeneca fosse alla fine approvato, questa battuta d'arresto potrebbe tradursi in timori sull'uso.

I primi, poi, a poterne beneficiare saranno gli operatori sanitari, i più esposti al virus, seguiti dal gruppo degli anziani con patologie.

L'allarme di Agnelli: "Crollo dei ricavi per 4 miliardi di euro"
Ricominciare la nuova stagione sarà difficile sia dentro che fuori dal campo . E, secondo la Fifa , il 90% di questa perdita sarà relativa ai soli club.

AstraZeneca è una conosciuta azienda in campo farmaceutico, che come tante, sta cercando di rendere nel minor tempo possibile, un vaccino anti-Coronavirus.

In contemporanea, altri vaccini sono provati in altre aziende del mondo.

Non si arresta l'emergenza Coronavirus nel mondo, con il vaccino che continua ad essere l'unica soluzione per uscire dalla crisi sanitaria. È l'ultimo in ordine di tempo che arriva, dopo gli accordi con AstraZeneca, Sanofi-GSK, Johnson & Johnson, CureVac e Moderna, mentre l'unico contratto formalizzato resta proprio quello con AstraZeneca, per 400 milioni di dosi.

Comments