Fedez: "Condannare fascismo non è di sinistra, è solo buon senso"

Adjust Comment Print

"Cosa mi rattrista di tutto questo?" chiosa la moglie di Fedez "Che ancora una volta venga spostato il focus di un crimine orrendo e venga spesa molta più energia nell'andare contro o a favore di una persona piuttosto che analizzare a fondo i problemi della nostra società".

Molti si sono addirittura spinti ad affermare che il modo migliore per evitare nuovi episodi di violenza simile a quello che ha portato alla morte di Willy sia proibire l'insegnamento di arti marziali. Sono parole straordinariamente radicali per i suoi standard, quelle condivise dall'imprenditrice: "Il problema lo risolvi cambiando e cancellando la cultura fascista e sempre resistente in questo paese, non cancellando il mezzo tramite il cui i fasci hanno fatto violenza. Il problema non lo risolve nascondendolo sotto al tappeto, lo si risolve con la cultura e l'istruzione".

Il 31enne Francesco Di Giuseppe, dirigente nazionale di Fratelli d'Italia, è intervenuto su Twitter per replicare alla coppia.

Formula 1, la Ferrari amaranto per il Gp numero 1000 al Mugello
In Toscana avremo una configurazione differente rispetto a quelle viste in queste ultime settimane. Il tracciato è molto bello e super tecnico, con variazioni di altezza e curve molto impegnative.

Milano - Fedez risponde a Francesco Di Giuseppe, dirigente di Fratelli d'Italia, che aveva scritto: " La Ferragni si scaglia contro i narcisisti palestrati coi capelli ossigenati e con un basso livello di istruzione!

Non poteva non replicare a questo attacco personale il rapper milanese che su Twitter, usando toni piuttosto pacati, si è detto perplesso.

"Fa strano vedere il dirigente nazionale di Fratelli d'Italia scagliarsi per una semplice condanna verso il pensiero fascista. Condannare il fascismo non è di sinistra è solo di buon senso".

Comments