Newco Alitalia, le scelte del governo per il cda

Adjust Comment Print

La nuova Alitalia decolla di venerdì sera. La società si chiama Alitalia "ITA", acronimo di "Italia Trasporto Aereo". Oltre all'amministratore delegato Fabio Lazzerini e al presidente Francesco Caio, le altre poltrone verrebbero occupate da Simonetta Giordani (dirigente Autostrade), dal professore della Luiss, Silvio Martuccelli, Frances Ousley (già country manager Italia di easyJet), Lelio Fornabaio, commercialista, Cristina Girelli (proveniente da Air Italy), Angelo Piazza (magistrato) e Alessandra Fratini, avvocato. Il collegio sindacale è composto da Paolo Maria Ciabattoni, Giovanni Naccarato, Marina Scandurra, Gianfranco Buschini e Serena Gatteschi. Ma soprattutto, una volta saliti sulla plancia di comando, Lazzerini e Caio potranno finalizzare il piano industriale che significa mettere in pratica le strategie presenti e future che dovrebbero garantire la sopravvivenza a una società attualmente fortemente provata dall'effetto Covid.

Però, "se non si tratta della stessa società, la nuova società non sarà responsabile per la restituzione degli aiuti di Stato - ha aggiunto -". "La Newco rappresenta il primo passo verso la costituzione di un vettore di qualità capace di competere sul mercato internazionale". "Poniamo le basi per il rilancio del trasporto aereo italiano attraverso la scelta di manager di primo livello in grado di elaborare e attuare un piano industriale solido e sostenibile", spiega nella nota il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri.

Calciomercato Juventus, Commisso al veleno | "Nemmeno una telefonata"
Quanto addolora vedere episodi come quelli che hanno coinvolto Chiesa e il fratello? Il patron viola ha una serie di progetti in cantiere, tra cui la costruzione di un nuovo stadio.

"Nasce oggi la nuova compagnia aerea di bandiera, in netta discontinuità con il passato - sottolinea la ministra De Micheli - e che dovrà giocare un ruolo da protagonista sul mercato europeo e internazionale". Un'operazione industriale al servizio del Paese, che valorizzerà le competenze e le professionalità italiane, sosterrà la competitività delle nostre imprese e il turismo.

I vertici dovranno disegnare la nuova società tenendo in considerazione l'occhio vigile della Commissione europea che chiederà la massima discontinuità tra la newco e l'azienda in amministrazione straordinaria i cui ricavi nei primi nove mesi di quest'anno a causa del coronavirus sono crollati di 1,7 miliardi di euro. "Abbiamo bisogno di una compagnia di bandiera che aiuti l'Italia a ripartire".

Comments