Conte: "Oggi si decide quali regioni cambiano", Sicilia probabile zona rossa

Adjust Comment Print

Bar e ristoranti Chiusi bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie. È vietato passeggiare nei centri storici e in luoghi affollati.

( Regioni.it 3949 - 12/11/2020) Veneto, Emilia-Romagna e Friuli Venezia Giulia hanno varano oggi le nuove ordinanze antiassembramento. Spetterà naturalmente ai sindaci fissare ulteriori specifiche limitazioni. Passando da regione "gialla" a regione "arancione" le restrizioni diventano più forti. Nelle competizioni sportive che si svolgono in Veneto, gli sportivi e tutti gli accompagnatori possono accedere se in possesso di una certificazione di aver svolto il test in un periodo di tempo non anteriore a 72 ore prima della gara. Lo annuncia in una nota l'Unità di Crisi Regionale, che ricorda come sia già stato inviato al Prefetto di Napoli - "e di tanto sono stati informati il Ministro per l'Interno e il Ministro della Salute" - un invito a procedere all'adozione di misure restrittive nelle aree di maggiore assembramento nel territorio di Napoli e della provincia. "Grandi feste non saranno possibili, si dovrà stare con il proprio nucleo familiare". La Toscana era entrata in zona arancione appena due giorni fa, mercoledì. La strategia insomma è quella di autoimporsi delle regole più stringenti per non subirne altre ancora più dure come quelle previste per la zona rossa. Lo ha detto il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, sul passaggio della regione da zona gialla a zona arancione. "Ogni misura presa, a livello nazionale e regionale, è a tutela della collettività, non ci sono pagelle o colori punitivi o premiali- chiude Bonaccini-, ma solo lo sforzo del Paese di gestire la crisi ed uscirne definitivamente quando sarà disponibile il vaccino chiesto al Governo".

Didattica a distanza Si continuerà ad andare nelle scuole per l'infanzia, alle elementari e alle medie. Consentito solamente l'asporto. Aperti i servizi di ristorazione nelle aree di servizio delle autostrade, in aeroporto e in ospedale.

Inter, Brozovic positivo al Covid-19: il comunicato ufficiale della Croazia
I risultati hanno rilevato la positività di due persone, Marcelo Brozović e un membro dello staff. A dare la notizia è stata la nazionale croata attraverso un comunicato ufficiale.

Vietati i movimenti verso altri comuni e altre regioni, tranne nei casi di esigenze lavorative, di salute o necessità.

Chiusura degli esercizi di vendita superiori ai 400 metri quadri nei giorni festivi e prefestivi, escluse farmacie, parafarmacie, edicole, e negozi di generi alimentari.

Comments