Indonesia: gli cade meteorite in casa, lo vende e diventa milionario

Adjust Comment Print

Josua Hutagalung, 33 anni un fabbricante di bare del Sumatra Settentrionale, in Indonesia, è diventato milionario da un giorno all'altro quando, lo scorso agosto, un pezzo di meteorite si è schiantato contro il tetto di casa sua. La pietra meteorica ha la stessa composizione chimica dei planetesimi, piccoli corpi freddi che si formarono nel sistema solare primordiale. Ma facendogli guadagnare ben un milione e mezzo di euro. Ma dopo quanto successo in Indonesia, forse può essere usato come buon augurio.

Josua stava lavorando su una bara davanti alla sua abitazione quando la roccia di 2,1 chili è caduta attraverso la veranda fuori dal suo soggiorno, sfondandogli il tetto. Immediatamente, Josua è corso sulla zona dove questo masso si è abbattuto e ha recuperato subito i frammenti di detriti che erano sparsi nel suo giardino.

Melissa Satta e il Covid: "Due settimane da impazzire"
Anche per questo ho avuto subito voglia di andare dal mio parrucchiere per riavere un aspetto decente . Infine, l'ex velina di " Striscia la notizia" chiede ai suoi follower di prestare attenzione.

In un secondo momento, poi, ha tentato di risalire a cosa avesse prodotto il fragore che lo aveva spaventato e, di conseguenza, è riuscito a recuperare i resti del corpo celeste. Dalle prime analisi emerge che il piccolo meteorite è appartiene alle condriti carboniose CM1 / 2 e risale a 4,5 miliardi di anni fa.

Con la somma ricavata, Hutagalung ha spiegato di aver abbastanza soldi per andare in pensione e costruire una chiesa nella sua comunità. Hutagalung ha detto di aver venduto la roccia all'esperto di meteoriti statunitense Jared Collins, che a sua volta l'ha ceduta a un collezionista statunitense, che attualmente lo conserva al Center for Meteorite Studies dell'Università dell'Arizona. Parlando del futuro, l'uomo ha anche confidato: "Ho sempre desiderato una figlia, e spero che questo sia un segno che ora sono abbastanza fortunato per averne una".

Comments