Coronavirus, le persone guarite devono fare il vaccino?

Adjust Comment Print

Centralizzazione e gratuità del vaccino. "Il nostro obiettivo è raggiungere l'immunità di gregge", ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nelle comunicazioni al Senato sulle ulteriori misure per fronteggiare l'emergenza Covid.

Si tratta delle più affermate aziende italiane per quanto riguarda i contenitori isotermici e i sistemi di tracciamento della temperatura, che hanno fatto squadra per garantire in tempi brevissimi le soluzioni tecniche per una corretta gestione della distribuzione e dello stoccaggio dei vaccini. La circolazione del virus è ancora alta, attenzione a non scambiare il primo raggio di sole con lo scampato pericolo. Successivamente, la quantità di fiale potrebbe essere di gran lunga maggiore e si dovrebbe riuscire a coprire l'intera popolazione, a cavallo di settembre - ottobre 2021. Chi ha avuto il covid deve farlo?

Attenzione massima sempre a DML (distanziamento, mascherina, lavaggio delle mani, ndr) ma in particolare nei giorni che precedono il Natale e poi nel momento della festa: mascherina Ffp2 magari per i nonni, distanziandosi e cercando di essere rapidi, aprendo le finestre (compatibilmente con il freddo) il più possibile. Ha, quindi, presentato nel dettaglio le linee fondamentali del Piano, incentrato intorno ad 8 assi.

Hong Kong, arrestato il 73enne magnate Jimmi Lai
Il sospetto di collusione con forze straniere comporta la pena massima dell'ergastolo ai sensi della nuova legge sulla sicurezza. L'accusa contro di lui è di frode, e di non avere legami a Hong Kong , per cui è molto alto il rischio di fuga.

Le persone guarite da Covid-19 potranno fare il vaccino? "Siamo il primo Paese europeo che spiega, per primo al Parlamento che a chiunque altro, il piano vaccinale", avrebbe rivendicato il ministro. Gli studenti? E' una riflessione che si sta facendo in Parlamento'. Certe categorie dovranno essere messe in sicurezza, come anziani, forze dell'ordine, ospiti delle Rsa, sanitari. Sarà coinvolto l'esercito per la distribuzione. Il Commissario straordinario assicurerà anche il materiale ritenuto essenziale per lo svolgimento delle sedute vaccinali, a partire dai dispositivi di protezione. Qualcosa che, seguendo la tesi del professor Ippolito, implicherebbe una campagna di screening prima di quella vaccinale, dunque test sierologici e tamponi a tappeto, prima di ricevere il vaccino.

Ed, infine, l'ottavo asse che prevede un'efficace farmacosorveglianza e una sorveglianza immunologica per assicurare il massimo livello di sicurezza nel corso di tutta la campagna di vaccinazione. "Sarebbe davvero complicato realizzare la più grande vaccinazione di massa nel pieno della terza ondata". Non dobbiamo dimenticarlo mai.

Comments