Un'infermiera di New York è la prima vaccinata negli Stati Uniti

Adjust Comment Print

È stata Sandra Lindsay, un'infermiera, a ricevere il primo vaccino, al Long Island Jewish Medical Center di New York. La donna ha commentato ai media americani: "Mi auguro che questo segni l'inizi della fine di un periodo doloroso della nostra storia".

"Ci vorranno mesi prima che il vaccino raggiunga la massa critica. Congratulazioni Usa! Congratulazioni mondo!". Parole che appunto sono state accolte con grande soddisfazione. La felicità del presidente Donald Trump in un tweet: "Il primo vaccino è stato somministrato". I funzionari statunitensi stimano che circa 20 milioni di persone potrebbero essere vaccinate a dicembre, a cominciare dagli operatori sanitari e dalle persone nelle case di cura.

Juventus, caso Suarez | L’annuncio della rettrice dell’Università
La rettrice è stata sospesa per otto mesi dall'esercizio del pubblico ufficio per l'indagine sull'esame dell'ex Barcellona . A darne notizia è l'agenzia di stampa Ansa: la decisione è stata comunicata direttamente al ministro Gaetano Manfredi .

Domenica scorsa, invece, camion e aerei da carico imballati con la prima di quasi tre milioni di dosi di vaccino contro il Coronavirus si erano diffuse in tutto il paese, mentre gli ospedali di tutti 50 gli Stati si precipitavano per allestire siti di iniezione ai loro lavoratori che ansiosi monitoravano ogni spedizione ora per ora.

A sorpresa, intanto, il presidente Trump ha però cambiato il piano vaccinale per i dirigenti della Casa Bianca. "Le persone che lavorano alla Casa Bianca dovrebbero ricevere il vaccino un po' più tardi nel programma, salvo specifiche necessità. Ho chiesto che sia fatta questa modifica", ha twittato.

Comments