Piano vaccini Covid, Arcuri e il "libretto delle istruzioni" per le Regioni

Adjust Comment Print

Le spedizioni sono state pianificate in maniera tale che la diffusione possa avvenire nei cinquanta Stati in base alla popolazione adulta. Il 58enne greco - che a ottobre ha combattuto per una settimana contro il Covid in un letto d'ospedale, sottolinea, in un'intervista a 'Repubblica': "Se qualcuno non crede al virus o all'importanza del vaccino, mandatemelo che gli spiego cosa vuol dire lottare contro questa malattia".

L'Ema dovrebbe dare luce verde nella seduta del 21 dicembre, aprendo la strada al "Vaccine Day" europeo. Il 27 sarà un bel giorno, simbolico. La vaccinazione di massa partirà ai primi di gennaio. Permane, tuttavia, il problema relativo all'impiego del personale; come evidenziato nuovamente ieri dallo stesso Fedriga, intervenuto su SkyTG 24, "un problema serio", perché "dovremo utilizzare personale del Servizio Sanitario Regionale che dovrà essere distolto da quello che stava facendo" per venire impiegato sul fronte vaccinazioni. "Sembra che il numero delle adesioni sia soddisfacente", afferma riferendosi al personale sanitario che vuole sottoporsi al vaccino. La seconda ondata, che potrà iniziare nel primo trimestre del 2021, inizierà invece dagli 11 milioni di abitanti che hanno più di sessant'anni a partire dai più anziani in giù. La sperimentazione del vaccino ha coinvolto oltre 40 mila persone negli Usa. Qualora vengano utilizzate delle siringhe ad alta precisione può aumentare la capacità di ogni fiala. "Sarebbe intollerabile". Tutto a posto con la logistica della distribuzione.

Roma, Fonseca: "Tutti giocano oggi, perché noi dobbiamo farlo di giovedì?"
Ha cambiato qualcosa nella preparazione? "Cambiare la preparazione quando non abbiamo tempo è difficile". "Kumbulla sta bene, non ha lesioni".

La manifestazione di interesse si rivolge a laureati in medicina e chirurgia abilitati all'esercizio della professione medica e iscritti agli albi professionali nonché ai medici pensionati e a infermieri e assistenti sanitari iscritti ai rispettivi albi professionali. Bori ha replicato che "la vaccinazione sarà la prima urgenza dei prossimi mesi".

Poi il commissario parla del Natale: "Dobbiamo capire che c'è bisogno di un ultimo sforzo".

Comments