Covid. Tutto pronto per la prima vaccinazione in Sicilia

Adjust Comment Print

Non c'è da allarmarsi, le 9. A essere vaccinati per primi saranno un gruppo di medici e operatori sanitari di tutte le professioni che operano in una struttura grande e complessa come un ospedale di riferimento come Cuneo. Come da protocollo i primi a ricevere le prime dosi del siero sono stati gli anziani ospiti delle RSA e gli operatori sanitari. Poi c'è la parte medica e infermieristica che in questa azienda ha fatto davvero la differenza. "Non si può aspettare che la Lombardia diventi zona arancione per uscire di casa e andare a bere l'aperitivo".

E' vero che alcuni di loro hanno già iniziato la vaccinazione, ma il V-Day ha un significato per ogni nazione desiderosa di superare al più presto la fase acuta della pandemia. La strada è ancora lunga, ma finalmente abbiamo il vaccino. Cosi' il commissario straordinario Domenico Arcuri allo Spallanzani di Roma dove sono partite le prime tre vaccinazioni anti Covid-19. È prevista la somministrazione di due dosi, a distanza di qualche settimana l'una dall'altra. L'obiettivo è quello di vaccinare almeno il 70% della popolazione italiana (circa 42 milioni di persone) entro la metà di settembre, in modo da raggiungere la cosiddetta "immunità di gregge" prima dell'inizio del nuovo anno scolastico.

Oggi ad esempio la notizia dal Ministro della Sanità spagnolo Salvador Illa, il quale ha comunicato un ritardo di un giorno nella consegna delle dosi nella nazione iberica a causa di problemi logistici avuti da Pfizer nella sede dell'hub in Belgio, nella città di Puurs.

Lesione di primo grado per Spinazzola e Mirante
Gli esami a cui sono stati sottoposti il terzino sinistro e il portiere hanno evidenziato per entrambi una lesione al flessore. Per l'occasione, Paulo Fonseca non potrà contare su due elementi importanti: Antonio Mirante e Leonardo Spinazzola .

Da un punto di vista emotivo significa tanto, tantissimo, perché sono pazienti che improvvisamente sono allontanati dai propri affetti familiari e si ritrovano in stanze d'isolamento, e hanno bisogno davvero supporto, innanzitutto psicologico.

"Ma i tempi di approvazione - continua - potrebbero essere diversi per Moderna, che sembra imminente, rispetto ad AstraZeneca".

Comments