Napoli, l'agente di Insigne sbotta: "Perchè diciamo str****te?"

Adjust Comment Print

L'atteggiamento di attesa e contenimento visto ieri come avrebbe dovuto impensierire i bianconeri? Deve pensare al Napoli e alla Nazione, ricordando le parole molto dolci che ha speso per lui Mancini. Nulla di strano, se non fosse che la foto del momento del tiro dagli undici metri mostra che l'area di rigore era stata invasa prima del tiro. Uscire sconfitti in pochi giorni con Inter e Napoli sarebbe stato un colpo molto forte da attutire ma i bianconeri hanno reagito e sono ripartiti.

Per provare a invertire l'inerzia, Gattuso ha mandato in campo Mertens al posto di un evanescente Petagna e proprio il belga, all'80', si è "guadagnato" il rigore del potenziale 1-1, per un evidente fallo di McKennie segnalato dal Var.

Se di uomini dai piedi buoni e di classe ne contiamo soprattutto due, Zielinski, oltre, ovviamente al capitano, vale la pena sacrificarne uno, lasciando l'altro in balia di marcature asfissianti, che solo con alcuni lampi, il polacco è riuscito ad evitare?

Covid Lombardia, oggi 1.969 contagi e 58 morti: bollettino
Sono 3.644 i pazienti attualmente ricoverati non in terapia intensiva , 6 in meno di mercoledì. I nuovi ingressi in terapia intensiva sono 14, con un totale del numero di ricoverati di 398.

La Juventus si aggiudica la Suepercoppa italiana battendo il Napoli di Rino Gattuso per 2-0.

Il timore è diventato tremore, come quello sul calcio di rigore di Lorenzo Insigne. Molti compiti di copertura, assegnati agli esterni, potrebbero essere dati a delle mezzali in un sistema di gioco diverso dal 4-2-3-1, che sembra essere ancora troppo altalenante e, ripeto, limitante.

Leggi anche: Juventus, Carnevali (ad Sassuolo): "Scamacca e Locatelli?"

Comments