Vitali lascia FI e sostiene Conte. D'Attis: "Non ci mancherai"

Adjust Comment Print

Il senatore ha posto l'accento in particolare sui termini della prescrizione, di cui dice sia inacettabile che siano stati aboliti "quando i processi hanno una media di durata al di là di tutti gli standard europei".

Luigi Vitali è un vecchio lupo della politica.

A convincere l'avvocato pugliese anche la telefonata con il leader della Lega. Ha vissuto il berlusconismo dal giorno uno, e certo non poteva rimanere insensibile ad una chiamata del suo Presidente. E' quanto comunicato dal senatore FI Luigi Vitali ai colleghi di Palazzo Madama, dopo aver sentito al telefono la capogruppo Anna Maria Bernini. È bastata una notte, che il parlamentare azzurro ha passato insonne, per farlo tornare sui suoi passi. Quella del Cavaliere e quella di Matteo Salvini. Evidentemente ha però cambiato inspiegabilmente idea. Il 30 dicembre 2004 nominato sottosegretario alla Giustizia nel Governo Berlusconi II, mantiene l'incarico anche con il Governo Berlusconi III sino al 17 maggio 2006. Il senatore di Francavilla Fontana farà parte del gruppo dei "senatori responsabili".

Covid, in distribuzione in Sicilia altre 31 mila dosi di vaccini
La campagna dei vaccini rallenta rispetto a quanto programmato nel piano di dicembre: la somministrazione delle dosi slitta sia per gli over 80 che per il resto della popolazione .

"Non è questo il momento delle contrapposizioni, ma di dare come classe dirigente complessiva un segnale a chi non ha ancora ricevuto la Cig, il vaccino, a chi è stato costretto a chiudere attività, alle partite Iva, alle imprese ai commercianti, che il Paese è unito, perché solo insieme si uscirà dal tunnel", ha spiegato Vitali all'Adnkronos.

Vitali, senatore di Forza Italia con un passato nel Movimento Sociale, non è nuovo alle cronache politiche. "I giornali possono scrivere quello che vogliono, hanno capito che così aumentano la tiratura e io sono contento di aiutare l'economia". Poi il passaggio di Salvini "Ma cosa vai a fare lì? Insomma in questa fase non si può andare a votare". Ovvero Forza Italia potrebbe offrire solida sponda alla coalizione Ursula.

Comments