Vaccini per over 80 in Campania: al via le adesioni

Adjust Comment Print

Se non dovesse ulteriormente cambiare la situazione, ecco come avverrà la distribuzione del vaccino, messa a punto dal Governo. Secondo le proiezioni attuali saranno circa 240mila vaccini disponibili in regione per metà febbraio.

Doveva partire dalla mezzanotte di oggi, invece le prenotazioni delle vaccinazioni per gli over 80 sono slittate a mezzogiorno. Dal 7/10 febbraio, quando sarà certa anche la disponibilità dei richiami, si parte con la campagna per i più anziani.

Dopo lo stop alle prime dosi annunciato il 20 gennaio, parte finalmente il Lazio, anticipato di qualche giorno dal Trentino Alto Adige.

Partenza brutta e difficile, recupero in corsa: le prenotazioni per i vaccini agli over 80 hanno debuttato male lunedì mattina, ma in serata i numeri erano comunque ottimi. In Friuli Venezia Giulia, per esempio, si inizia martedì 9 febbraio.

Flop vaccinazioni, l'ira di De Luca: "Campania, si rischia di finire nel 2022; picchi". In prossimità della data degli appuntamenti sarà inviato un sms di promemoria del giorno e ora della vaccinazione.

Simpson in lutto: il Covid arriva anche a Springfield, è morto
Un successo strepitoso, che lo portò a circa dieci nomination agli Emmy Awards, riconoscimento che riuscì ad aggiudicarsi nel 2008.

MARCHE: non c'è ancora una data ufficiale.

Dopo qualche incertezza iniziale, soprattutto sull'orario del via alle prenotazioni, è ufficialmente partita nel Lazio la prima fase di immunizzazione aperta a chi non appartenga alle categorie sanitarie e non sia ospite di residente assistite.

Insieme al Lazio ci sarà anche la Valle D'Aosta, che ha fissato sempre all'8 febbraio l'inizio della fase 2. Le somministrazioni cominceranno l'8 febbraio. Poi a seguire Sardegna e Emilia Romagna (data slittata i primi di marzo), Basilicata, Molise, Abruzzo (non ci sono date ufficiali).

Alle 22 erano 43.994 le prenotazioni effettuate: il 14% sono avvenute tramite Call Center, l'85% tramite Web. I tamponi positivi sono pari al 15,7% delle persone testate, in sensibile diminuzione rispetto al 23,1% della settimana precedente.

"La speranza rimane in vita e lo abbiamo visto, e lo vedremo ancora di più nelle prossime settimane, ma la speranza va alimentata non soltanto dalla forza di ognuno di noi ma anche dei comportamenti di ognuno di noi".

Comments