Governo Draghi, squadra con 23 ministri: poche donne e molti partiti

Adjust Comment Print

Anche per Forza Italia la delegazione è composta da tre ministri: Renato Brunetta alla Pubblica Amministrazione, Mara Carfagna al Sud e Maria Stella Gelmini agli Affari regionali.

ITALIA- Tornano, sulle storie di instagram di Password Magazine, i sondaggi e lo fanno per conoscere l'opinione dei nostri lettori, per la maggior parte della Vallesina, sul nuovo governo formato da Mario Draghi. Chiaramente è Berlusconi con la sua Forza Italia ad avere l'occasione con il governo Draghi di tornare al centro della scena politica con proposte e probabilmente anche ruoli di governo seppure con espressioni solamente di tecnici d'area, riuscendo a liberarsi dal peso di una coalizione di centro destra che spesso ha soffocato le sue idee, imponendo la ricetta del sovranismo.

Poi ci sono i piccoli partiti centristi come Azione e Più Europa, che con l'appoggio pieno a Draghi possono finalmente uscire da un ruolo defilato e puntare a concorrere finalmente alla sfida delle azioni di governo.

Google Stadia: chiusi gli studi di sviluppo interni, addio ai giochi esclusivi
"Sono fiera del team che abbiamo costruito qui in Stadia Games and Entertainment, e del fantastico lavoro fatto sulle esclusive per la piattaforma", ha scritto l'ex dirigente nel suo messaggio.

Sul primo versante Draghi si è riservato di avere la collaborazione di personalità di grande spessore e senza condizionamenti dal loro posizionamento in qualche partito: Franco all'Economia, Cingolani al comitato interministeriale per il coordinamento dell'utilizzo dei fondi europei (più importante del titolo altisonante della transizione ecologica), Colao alla transizione digitale, Giovannini ai Trasporti, e infine Cartabia alla Giustizia (settore chiave perché è un collo di bottiglia per la realizzazione degli interventi strutturali di vario genere). Otto ministri sono tecnici, sette del Governo Conte bis.

Tra vecchi nomi e riconferme, ecco che è pronto il nuovo esecutivo: il governo Draghi ha giurato. In particolare sono del M5S Luigi Di Maio, Stefano Patuanelli, Fabiana Dadone e Federico D'Incà. New entry Andrea Orlando, vicesegretario del Pd, come ministro del Lavoro. Della Lega sono Erika Stefani, Giancarlo Giorgetti e Massimo Garavaglia. Leu vede confermato Roberto Speranza alla Salute. Di Iv è espressione Elena Bonetti.

Comments