Lazio e Lombardia in zona arancione da venerdì 19 febbraio?

Adjust Comment Print

È il caso dell'Emilia Romagna: "È vero che c'è un rischio elevato, l'Emilia-Romagna rischia concretamente di diventare zona arancione la prossima settimana".

Più zone rosse locali. Si aggiungerebbero all'Abruzzo, la Basilicata, la Liguria, il Molise, l'Umbria e la provincia di Trento. Il 16 febbraio il presidente Attilio Fontana ha firmato l'ordinanza con cui, a decorrere dalle 18.00 del 17 febbraio e fino al 24 febbraio, con eventuale proroga sulla base dell'evoluzione del contesto epidemiologico, entra in vigore la zona rossa in 4 Comuni (Bollate, Castrezzato, Mede e Viggiù). Sono le varianti, in particolare quella inglese, a destare preoccupazioni tra gli scienziati.

Ma sarebbe solo questione di tempo perché in Lombardia torni la zona arancione. Tra le principali cause un rialzo dell'indice Rt, molto vicino all'1, e la presenza di un nuovo focolaio nella regione Lazio.

Draghi e i ministri del nuovo governo hanno giurato al Quirinale
Nessuna presenza di giornalisti o altre persone che non fossero strettamente necessarie. In tanti sostengono infatti che Draghi per primo sia un politico.

È probabile che il Lazio resterà in zona gialla anche questa settimana, con ristoranti e bar aperti a pranzo, possibilità di uscire fuori dal proprio Comune e musei aperti nei giorni feriali.

Come si legge sul Messaggero, la variante inglese è arrivata anche nel Lazio: "Nella nostra regione si è cominciata ad affacciare, con una presenza non importante come in altre regioni, la variante inglese- ha dichiarato l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato in commissione Sanità del Consiglio regionale del Lazio - allo stato attuale bisogna mantenere ancora alta l'attenzione rispetto alla circolazione del virus, seppure alcuni indicatori siano in lieve diminuzione".

(Corriere.it). Prevenire o comunque limitare gli effetti di una "terza ondata" dell'epidemia da Covid 19 provocata dalle varianti del virus: è questo l'obiettivo del governo che mette a punto le misure di contenimento.

Comments