Coronavirus, 110mila morti in Italia dall’inizio della pandemia

Adjust Comment Print

La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 5,6%. Per quanto riguarda invece le Regioni, sono sempre le solite in quadrupla cifra di contagi: guida la Lombardia con 4.132 nuovi casi, seguita da Campania (2.314), Puglia (2.142), Piemonte (2.127), Emilia Romagna (1.789), Lazio (1.631), Veneto (1.563), Toscana (1.473) e Sicilia (1.014). I ricoverati non in terapia intensiva sono 3.864 (-23 rispetto a ieri). Sono 359.214 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. In totale sono 565.295. I dimessi e i guariti sono stati 19.620, che portano il totale da inizio pandemia a 2.953.377. Dopo tre giorni in cui i ricoveri erano risultati in calo, oggi tornano a salire i posti letto occupati in terapia intensiva: sono 3.704, ovvero 23 in più di ieri, quando c'era stato un calo di 29 pazienti in rianimazione.

Sui 754 asintomatici, 502 sono stati individuati grazie all'attività di contact tracing, 105 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 35 con gli screening sierologici, 11 tramite i test pre-ricovero. Complessivamente, 26.828 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (13 in più rispetto a ieri, più 0,05%). Il tasso odierno sulle prime diagnosi è 14,3%, praticamente stabile rispetto a ieri quando era 14,5.

Spostamenti a Pasqua, dove si può andare e dove no
E' possibile spostarsi dalla regione di residenza solo per motivi di lavoro , di salute o per urgenze. Sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio o la propria residenza.

Si registra infine una sola vittima, una donna di 75 anni, deceduta il primo aprile all'ospedale Policlinico San Martino di Genova.

Comments