Coronavirus, il report settimanale in Sicilia: positivi e ricoveri in ulteriore aumento

Adjust Comment Print

Gli attualmente positivi sono in totale 21.925, 914 in più rispetto a ieri.

Gli attuali positivi sono 570.096 (+ 1.061, il 19 febbraio erano 382.448) di cui 32.522 ricoverati (+ 387, il 20 febbraio erano 19.788) compresi 3.737 in terapia intensiva (+ 34, il 17 febbraio erano 2.043). Lo ha certificato l'Assessorato della Salutein una lettera inviata al sindaco di Palermo, che ha chiesto i dati dei contagi alle autorità sanitarie e la dichiarazione di zona rossa al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.

I casi totali di coronavirus dall'inizio della pandemia in Sicilia hanno invece raggiunto quota 178.656 (l'altro ieri erano 177.641), le guarigioni sono 151.107 con solo 67 pazienti dimessi o guariti nelle ultime 24 ore, mentre le vittime con le ultime 21 sono arrivate alla considerevole cifra di 4.697.

Il Veneto si colora di "arancione"
Il nuovo provvedimento sarebbe in vigore quindi dal 7 aprile, mercoledì. "Il che significa che dove abbiamo vaccinato l'infezione non c'è più".

Palermo va ufficialmente verso la zona rossa, visto che i dati sono destinati a salire nei prossimi giorni. Ieri decine di ambulanze sono rimaste a lungo in attesa davanti al Covid Hospital di Partinico per trovare un posto letto.

In tutta Italia sono 18.025 i nuovi positivi. "La urgente disponibilità di dati e indicazioni aggiornate - sottolinea Orlando - è indispensabile affinché questa amministrazione possa valutare, di concerto con il Prefetto e con i componenti del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, l'adozione di ulteriori eventuali provvedimenti".

In calo rispetto a ieri l'aumento di vittime: lunedì scorso erano 417, martedì 529, mercoledì 467, giovedì 501, venerdì 481, sabato 376, domenica 326, oggi 296. Rispetto alla settimana scorsa sono aumentati di 154 unità (in Terapia Intensiva sono aumentati di 24 unità). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 28.432 persone, in calo di 57 unità rispetto a ieri. Un avvocato, Mario Turrisi, di 45 anni, è stato ricoverato in gravissime condizioni al Policlinico di Messina con una emorragia cerebrale. La procura di Messina ha aperto un'inchiesta.

Comments