Erdogan umilia Ursula von der Leyen e la spedisce sul divano

Adjust Comment Print

"Sono molto preoccupata dal ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul", che "è chiaramente un segnale sbagliato", ha continuato la presidente della Commissione europea.

Il filmato di lei in piedi senza un posto dedicato né indicato, mentre i due uomini si accomodavano sulle due poltrone centrali quasi incuranti, è già la parte più vista e discussa del vertice. Qualcuno dovrebbe vergognarsi a causa della mancanza di un posto adeguato per Ursula von der Leyen nel palazzo di Erdogan. Quando Erdogan ha ricevuto una volta Donald Tusk (ex presidente del Consiglio) e Jean-Claude Juncker (ex presidente della Commissione), i tre presidenti erano nella stessa fila.

Erdogan lascia senza sedia la presidente Ue Ursula von der Leyen.

Nel video, girato all'interno di una fastosa sala riunioni del complesso presidenziale di Ankara, si vede la von der Leyen incerta su dove sedersi.

Denise Pipitone programma russo: il conduttore rompe il silenzio
Anche domani sera, 7 aprile 2021, la conduttrice torna ad affrontare la burrascosa vicenda di Denise e della ragazza russa Olysea.

L'increscioso episodio, immortalato dai fotografi e dal video ufficiale dell'incontro è immediatamente rimbalzato sui social con l'hashtag #sofagate.

Alla fine le è stato offerto un divano beige a circa tre metri di distanza, di fronte al ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, che però è ben al di sotto di lei nel protocollo diplomatico.

Durante la conferenza stampa, anche il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha espresso "profonda preoccupazione per gli ultimi sviluppi sulla libertà d'espressione". Perché lei ha accettato la situazione senza reagire?

L'Unione europea presenterà presto una nuova proposta per finanziare i rifugiati siriani che si trovano in Turchia. L'eurodeputata olandese Sophie in't Veld ha fatto notare su Twitter che nei precedenti incontri tra il leader turco e i due presidenti europei i tre occupavano sedute equivalenti.

Comments