Coronavirus | riaperture per palestre, piscine e ristoranti: tutte le regole

Adjust Comment Print

La distanza di almeno due metri tra i clienti è prevista anche al banco. Lo prevede la bozza delle linee guida per la riapertura delle attività, che le Regioni sottopongono a Governo e Cts e che dovrebbe diventare attuativa da maggio.

La bozza delle linee guida che le Regioni sottoporranno al governo prevede anche l'obbligo di utilizzare la mascherina in bar, ristoranti, cinema e teatri, anche se vaccinati, sottolineando che ad oggi le indicazioni scientifiche non escludono la possibilità che chi sia stato immunizzato possa contagiarsi comunque e diffondere il virus. Nei casi in cui non sarà invece necessario il ricorso alle mascherine, per esempio all'aperto, le Regioni chiedono che le distanze sociali da imporre non siano inferiori ai due metri.

Erdogan umilia Ursula von der Leyen e la spedisce sul divano
Qualcuno dovrebbe vergognarsi a causa della mancanza di un posto adeguato per Ursula von der Leyen nel palazzo di Erdogan. Erdogan lascia senza sedia la presidente Ue Ursula von der Leyen .

Nei ristoranti "che non dispongono di posti a sedere, consentire l'ingresso ad un numero limitato di clienti per volta, in base alle caratteristiche dei singoli locali, in modo da assicurare il mantenimento di almeno 2metri di separazione". Ci saranno regole più stringenti rispetto al passato, tuttavia in questo modo si consentirà alle attività provate dalle chiusure forzate di poter in qualche modo iniziare a muovere di nuovo i primi passi. Bisogna poi "favorire la consultazione online del menu tramite soluzioni digitali, oppure predisporre menu in stampa plastificata, e quindi disinfettabile dopo l'uso, oppure cartacei al termine di ogni servizio al tavolo, assicurare pulizia e disinfezione delle superfici". Al vaglio anche la riapertura di palestre e piscine con ingressi contingentati. Tra le richieste vi è anche quella di tenere attivo un elenco delle presenze per almeno 14 giorni, per facilitare eventuali tracciamenti in caso di contagio. Secondo il protocollo, bisognerà regolamentare l'accesso agli attrezzi, delimitando le zone per garantire almeno un metro di distanza tra le persone che in quel momento non svolgono attività fisica e almeno due metri durante l'attività fisica. Docce vietate. Dopo l'uso ogni attrezzo deve essere pulito.

Per le piscine termali "la densità di affollamento in vasca è calcolata con un indice di 7 mq di superficie di acqua a persona per le piscine dove le dimensioni e le regole dell'impianto consentono l'attività natatoria; qualora non sia consentita l'attività natatoria, è sufficiente calcolare un indice di 4 mq di superficie di acqua a persona. Le misure di seguito riportate, se rispettate, possono consentire il mantenimento dell'attività anche in scenari epidemiologici definiti ad alto rischio purchè integrate con strategie di screening/testing". "Laddove possibile - raccomandano le Regioni nel 'capitolo' dedicato alla ristorazione - privilegiare l'utilizzo degli spazi esterni (giardini, terrazze, plateatici, dehors), sempre nel rispetto del distanziamento di almeno 1 metro". Non sarà possibile assistere agli spettacoli in piedi e sarà obbligatorio indossare la mascherina. Sul palco, i musicisti dovranno mantenere tra di loro almeno 1 metro di distanza, che diventa di almeno 1,5 metri per chi suona strumenti a fiato.

Comments