Vaccini: 148.000 dosi Pfizer sono arrivate all’aeroporto di Napoli

Adjust Comment Print

Anche ieri 469morti (per Covid, ndr). Bisogna fare in fretta. Dobbiamo proteggere i più esposti.

Il piano vaccinale in Italia prosegue secondo le previsioni del generale Francesco Paolo Figliuolo, commisario per l'emergenza Covid nominato dal governo Draghi. Per l'Italia vuol dire oltre 670.000 dosi in più ad aprile, 2 milioni e 150.000 dosi in più a maggio e oltre 4 milioni di dosi in più a giugno. "È un carico che ci permette di tamponare la situazione e le limitazioni sugli altri vaccini e che ci consentirà di avere 17 milioni di dosi a maggio, una potenza di fuoco superiore alle 500 mila somministrazioni al giorno".

Covid, vaccini: la provincia viaggia verso quota 90.000. In Italia troppi furbetti
Prosegue a ritmo sostenuto la vaccinazione del personale scolastico che ha aderito alla campagna. Nel Lazio sono 1.262.024 con un incremento giornaliero di 25.544.

Per quanto riguarda il Moderna, le dosi restanti sono circa 20mila ma in gran parte già consegnate ai medici di famiglia (somministrato il 75% del totale); invece c'è ancora buona disponibilità di Astrazeneca, risultano esserci 111mila dosi (utilizzato solo il 60% del totale). "Dobbiamo esaurire gli over 80 e andare rapidi sugli over 70 - rileva - ci sono sei regioni che in due o tre giorni chiuderanno il conto con la prima dose per gli ottantenni". Come annunciato nei giorni scorsi dal governatore Toma, sono arrivate questo pomeriggio altre 3.500 dosi di farmaco Pfitzer, grazie alle quali si potrà ripartire con la campagna di immunizzazione dei soggetti estremamente vulnerabili e dei domiciliati che era momentaneamente sospesa.

"Dal 10-15 maggio possiamo partire con le vaccinazioni in azienda". Ora ne parlerò con il premier e con la comunità scientifica. "Possiamo pensare di farli tutti insieme, ovviamente dando sempre la priorità a chi è più anziano ma anche valutando le mansioni che ciascuno ricopre o la sua esposizione al rischio".

Comments