Scontro aperto tra Israele e Hamas

Adjust Comment Print

Altri testimoni oculari hanno riferito che un certo numero di case nella Striscia di Gaza sono state prese di mira dai raid israeliani.

Continuano gli scontri tra Israele e il movimento palestinese Hamas.

Il bilancio delle vittime causate da Israele è salito a 30 persone, bambini compresi, con i sionisti che hanno effettuato attacchi da terra, aria e mare. Gli agenti colpiti sono stati 21. In un discorso televisivo alla nazione nella tarda serata di martedì, ha affermato che Hamas "ha pagato e pagherà un prezzo molto alto". Parole simili quelle usate dal ministro della Difesa israeliano Benny Gantz: "Abbiamo attaccato centinaia di obiettivi, ed è solo l'inizio". Ai leader del mondo dico: nessun Paese sovrano potrebbe mai accettare che si apra il fuoco contro i suoi centri abitati.

Quindi ha invitato la comunità internazionale ad "agire immediatamente per fermare le violazioni dell'occupazione israeliana contro il nostro popolo nella città di Gerusalemme e nei suoi luoghi santi, oltre a fermare i tentativi di confiscare le case dei cittadini ed espellerli".

Ma la fame di sangue palestinese del famelico premier israeliano Netanyahu non sembra volersi placare. Intanto mentre il primo ministro israeliano ha detto che non ci sarà alcuna pausa, anzi la frequenza degli attacchi aumenterà, Hamas si è detto "pronto" ad affrontare l'intensificazione dell'offensiva israeliana nella striscia di Gaza. Ad affermarlo è Ismail Haninyeh, il capo di Hamas, in un'intervista alla televisione. "Se (Israele) vuole un'escalation, la resistenza è pronta e se vuole fermarsi siamo pronti anche noi", ha detto, chiedendo alle forze di sicurezza israeliane di ritirarsi dalla Spianata delle Moschee a Gerusalemme. In risposta l'esercito ha compiuto oltre 500 attacchi contro obiettivi terroristici di Hamas e Jihad nella Striscia.

Frammenti di razzo cinese in caduta libera: è allerta anche in Puglia
A catturarne le immagini, all'alba di sabato 8 maggio, è stato l'astrofisico Gianluca Masi , responsabile del Virtual Telescope . Da giorni, ormai, non si fa altro che parlare del rientro incontrollato in atmosfera del razzo cinese "Lunga Marcia 5b" .

Intanto un altro razzo ha colpito un autobus a Holon, appena a sud di Tel Aviv. Stando all'agenzia, che cita le autorità sanitarie locali, la vittima è un 26enne e altre tre persone sono rimaste ferite. L'Autorità aeroportuale ha annunciato che ha fermato "i decolli dall'aeroporto Ben Gurion per consentire la difesa dei cieli nazionali". Un'operazione che ha però provocato 28 morti palestinesi, tra cui anche 10 bambini, e 153 feriti.

Gravi disordini sono avvenuti la scorsa notte nella città a popolazione mista di Lod, a est di Tel Aviv.

La città israeliana di Tel Aviv bombardata dai razzi palestinesi lanciati dalla vicina Striscia di Gaza.

Il presidente della commissione dell'Unione Africana ha condannato i "bombardamenti" israeliani a Gaza così come i "violenti attacchi" delle forze di sicurezza israeliane al complesso della moschea di Al Aqsa a Gerusalemme.

Comments