Denise Pipitone, l’ex procuratore Di Pisa: "La famiglia odiava Piera Maggio"

Adjust Comment Print

Davanti alle telecamere, il suo punto di vista sulla scomparsa della bimba, le cui tracce si sono perse a Mazara del Vallo (Trapani) il 1° settembre 2004. Mi sono detta che ci saranno state anche a Mazara del Vallo e che qualcuno non può che aver visto alcune scene del rapimento di Denise.

Davanti alle telecamere, Angioni ha parlato di "assoluta attendibilità" del testimone Battista Della Chiave - oggi scomparso e all'epoca ritenuto non attendibile - che dipinse la sparizione della piccola come esito di un rapimento compiuto da più persone.

Trattasi di un testimone ignoto, che per il momento ha preferito restare nell'anonimato. A rivelarlo la stessa trasmissione di Federica Sciarelli, che tornerà a parlare della vicenda nella puntata in onda sul terzo canale Rai mercoledì 19 maggio 2021. Al momento il suo contenuto è sconosciuto ma Frazzitta ha dichiarato che questa testimonianza è importante per far emergere la verità. Di questa lettera ha parlato in esclusiva a Mattino Cinque anche Francesco Lombardo, ex maresciallo della sezione di polizia giudiziaria, che ha collaborato per lungo tempo con la pm Angioni. "Ti attendiamo, nella massima riservatezza, abbiamo bisogno di te, vieni fuori in qualche modo, pero' aiutaci, aiutaci ancora".

Berlusconi, la Corte europea all'Italia: "Ha avuto un processo equo?"
A renderlo noto è il Corriere della Sera , sottolineando che adesso il governo dovrà fornire una risposta entro il prossimo 15 settembre .

"C'è la famosa foto scattata a Milano dal metronotte, che raffigura una bambina insieme a una rom. Quella bambina, secondo me, al 90% è Denise".

"Le chiedo di farsi sentire, nei modi che lei ritenga opportuno, faccia in modo di mettere fine a tutto questo dolore". Una missiva molto simile a quella ricevuta solo pochi giorni fa dall'avvocato Giacomo Frazzitta che assiste la mamma di Denise, Piera Maggio.

L'Angioini ha ricordato che nei pressi del luogo in cui è scomparsa Denise c'erano più persone appartenenti alla cerchia della famiglia allargata e in molti hanno fatto qualcosa di sospetto. E sulle indagini ha aggiunto: "Tutti naturalmente hanno agito cercando probabilmente di prendere in giro gli inquirenti, sia quelli che l'hanno rapita per farle del male, sia quelli che li hanno bloccati e l'hanno presa e portata lontano".

Comments