Varese Cambia la data della seconda dose di vaccino Pfizer, caos vacanze

Adjust Comment Print

Avrebbe dovuto ricevere la seconda dose di Pfizer il 2 giugno, come previsto dalle raccomandazioni della stessa casa produttrice, e in base a quella data - comunicatagli dagli stessi medici del centro vaccinale - ha prenotato le vacanze a partire dal 5 giugno. Il ministro della Salute, rispondendo al question time alla Camera, ha chiarito cosa intende fare il governo per la vaccinazione delle fasce d'età più giovani, al momento escluse dalla campagna vaccinale. "E' un fatto molto importante quello di allargare ad altre fasce d'età le vaccinazioni" contro Covid-19.

"Ad oggi quasi un terzo degli italiani ha avuto una prima dose somministrata e questo è un dato importante, positivo e incoraggiante. Il nostro auspicio, e anche le informazioni di cui siamo in possesso, ci portano a ritenere che il 28 maggio Ema possa dare l'ok a Pfizer anche per la fascia 12-15 anni". "Finora ci siamo preoccupati di vaccinare le fasce di persone più esposte al virus: operatori sanitari, anziani, fragili".

Mattarella: "Io sono vecchio, tra 8 mesi mi posso riposare"
Con una dichiarazione apparentemente banale ma di peso politico enorme , il presidente della Repubblica Sergio Mattarella , questa mattina, ha annunciato che non intende ricandidarsi, o comunque farsi rieleggere, nella prossima votazione per il Quirinale , prevista nel febbraio del 2022.

La vaccinazione per le fasce più giovani, secondo Speranza, è "altamente strategica e noi la riteniamo essenziale soprattutto in vista della ripresa del prossimo anno scolastico".

Attualmente "il Governo è a lavoro con il generale Figliuolo per costruire quindi un adeguamento del piano alla disposizione" che arriveranno dall'Ema sul vaccino per tale fascia d'età "che ci aspettiamo per la fine del mese, che ci metta nelle condizioni di costruire un'informazione che renda consapevoli le persone dell'importanza delle vaccinazioni come arma fondamentale per chiudere questa stagione così difficile". "Oggi si pone con grande attualità il tema di andare chiaramente anche alle altre generazioni" ha detto ancora il ministro della Salute. Ci sono altri studi in corso "per fasce generazionali ancora più giovani", ha aggiunto Speranza, ma che ancora non hanno raggiunto la fase finale.

Comments