Assegno unico per le famiglie, arriva il via libera: come funziona

Adjust Comment Print

È la misura ponte per l'assegno unico, valida da luglio a dicembre 2021 per le famiglie con figli da zero a 18 anni che non godano già di assegni familiari, approvato oggi per decreto dal Consiglio dei ministri.

Molto probabilmente, l'assegno ponte non cancellerà le vecchie misure a sostegno delle famiglie con figli, perciò per quest'anno resteranno le detrazioni fiscali per i figli a carico e gli assegni al nucleo familiare esistenti; mentre, con l'entrata in vigore della misura definitiva, dal 2022, in essa verranno a concentrarsi tutti i vari aiuti e sarà estesa a tutti i lavoratori.

L'assegno unico per i figli è in arrivo con un decreto ponte per soli disoccupati e autonomi che non hanno accesso agli ANF. L'importo massimo mensile sarebbe di 167,5 euro per primo e secondo figlio, con un incremento del 30% dal terzo figlio in poi.

L'assegno ponte verrà erogato esclusivamente in funzione dell'Isee (fino a 50 mila euro) e al numero di figli. A quel punto l'assegno unico diventerà peraltro universale e rivolto, in quanto tale, a tutte le famiglie con figli da 0 a 18 anni. La cifra si dimezza a 83,5 euro nei nuclei che hanno intorno ai 15 mila euro di Isee. L'importo massimo per famiglie con due figli raddoppia a 335 euro. Quattro milioni di famiglie che già ricevono qualcosa avranno una maggiorazione. Più che triplicato con tre figli, per un importo di 653 euro. L'importo dell'assegno diminuisce se si alza l'Isee: per un Isee sopra i 52mila euro, il contributo scende a 67 euro mensili per i figli minori e a 40 euro per i figli maggiorenni ma di età inferiore ai 21 anni. Oltre ai lavoratori autonomi (che sono sempre stati esclusi dal beneficio) e disoccupati, sono inclusi nella lista dei nuovi beneficiari i soggetti "inattivi" e i percettori di Reddito di cittadinanza. Per ora le detrazioni e le altre misure in essere, come assegno natalità e dote mamma, restano. A questi nuclei va 1 miliardo e 580 milioni dei 3 miliardi a disposizione.

Eros Ramazzotti non gioca la Partita del Cuore: caos Nazionale Cantanti
Stasera all'Allianz Stadium di Torino si gioca la 'Partita del Cuore' , noto evento con finalità benefiche. Ciro ha sottolineato che è una partita di beneficenza, non la Champions League.

La domanda potrà essere presentata per via telematica all'Inps o presso Caf e Patronati, in base alle modalità che lo stesso Inps indicherà entro il 30 giugno 2021. L'assegno è compatibile con il Reddito di cittadinanza, e sono circa 2 milioni le famiglie che saranno coinvolte dalla misura economica.

L'importo sarà pagato con bonifico bancario direttamente sul conto corrente e in caso di affido condiviso dei minori l'assegno sarò accreditato al 50% sull'Iban di ciascun genitore. Nel caso del Rdc, l'Inps corrisponde d'ufficio l'assegno per i figli congiuntamente allo stesso Rdc. Si tratta di un passo deciso nella direzione dell'universalità, che è il principio fondante della misura.

Qualche esempio. Gli importi base - 167,5 euro per un figlio, 355 euro con due figli, 653 euro con tre figli - spettano per un Isee fino a 7 mila euro.

Comments